venerdì 8 settembre 2017

Gero Caldarelli (1942-2017)

ROMA, ITALIA -
Besugo, ti spacco la faccia!
Belandi, è morto il Gabibbo! Altro che Jerry Lewis, lui sì che è stato uno dei pilastri della comicità mondiale, ma che dico mondiale, nazionale! Ovviamente scherziamo, come potete immaginare non siamo propriamente dei fan di quella trasmissione fatta di risate finte e puttanoni che è Striscia la notizia, ma il Gabibbo è il Gabibbo, non si può odiarlo (beh, in realtà si può).
Gero è riuscito a dare a un pupazzo, che nasceva arrogante, grazia e poesia.
Come i più furbi fra voi avranno intuito, il Gabibbo non era un strana creatura rossa, ma un pupazzo con dentro un cristiano in carne e ossa, l'attore Gero Caldarelli, già compare di Nichetti e caratterista in diversi suoi film (Ratataplan, Ho fatto splash, etc). Se volete saperne di più sul personaggio, vi auguriamo di poter leggere il suo libro: Una vita da ripieno - Cronache dall'interno del Gabibbo.

Negli anni '90 Caldarelli partecipò a un corto, Il perfezionista, nel quale interpretava un tizio che commissionava a un killer l'omicidio proprio del Gabibbo, ovviamente interpretato da lui.

Forse a nessuno frega un cazzo che...
Qualche tempo fa una università americana denunciò Mediaset per 250 milioni di dollari (eh la madonna!) perché convinti che il Gabibbo fosse stato copiato dalla loro mascotte, Big Red, ma dopo anni la giustizia italiana diede infine torto ai querelanti. Ricci ebbe a commentare:
Il Gabibbo rappresenta il populismo, la pancia, non parla: rutta. Vuol significare che in TV qualunque banale pupazzo, se bercia o arringa moraleggiando, può ottenere il massimo della credibilità e popolarità. Condannarlo per la voluta banalità delle sue forme, che lo rendono simile a decine e decine di altri pupazzi infantili dalla bocca larga, sarebbe stata una vera e propria assurdità.
Sostituite nel testo precedente "Il Gabibbo" con "Beppe Grillo" e capirete perché volevamo proporlo come successore del ciccione genovese alla guida del M5S.

Forse a nessuno frega un cazzo che... bis
Il nome "Gabibbo" deriva, fidandomi di Wikipedia, dal dialetto genovese: il termine, nato originariamente per indicare i negri, era (o è?) utilizzato per indicare i terroni.

link

Morirono così


5 commenti :

  1. Uno dei vari motivi per cui ho sempre odiato Striscia la Notizia è il Gabibbo, specialmente per quel cazzo di accento da ligure becero.
    In tutto ciò mi sono trovato a lavorare in Liguria e tutti parlano come il fottutissimo Gabibbo.
    Purtroppo è morto il ripieno, un uomo che faceva il suo lavoro (del cazzo) come tutti gli altri, ma temo che il pupazzo sopravviverà per altri decenni con qualche altro fottuto ligure dentro...
    Una prece.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. La voce non era la sua quindi il ligure resta

      Elimina
    2. Ne sanno una più del diavolo

      Elimina
  2. E Mettete Roger Moore11 settembre 2017 12:03

    mi sembra il minimo

    RispondiElimina
    Risposte
    1. E te l'appoggio in pieno...Poi (vabbé che il Gabibbo se lo mangia in insalata), anche Jerry Lewis non ci starebbe male....E, giacché ci siamo, vogliamo spendere una parola per Mireille Darc o, voglio esagerare, Nanni Svampa? Mah, che strane "scelte editoriali"....

      Elimina