giovedì 14 agosto 2014

Pierino Gelmini (1925-2014)

AMELIA, ITALIA - Oh, ogni tanto una bella notizia, sapevo che prima o poi sarebbe finito nelle mie grinfie. È appena andato a far conoscenza col Creatore (che suppongo lo manderà all'inferno a calci nel culo) Pietro "Pierino" Gelmini, ex-prete (era stato ridotto allo stato laicale nel 2008) e fondatore di "Incontro", una comunità di recupero per tossicodipendenti, curati attraverso un trattamento di sua invenzione, la cristoterapia; letta così potrebbe sembrare una terapia a base di bestemmie, invece pare fosse una cura a base di molestie sessuali, almeno secondo una cinquantina di ragazzi che qualche anno fa lo denunciarono per quei reati, ai quali era da anni notoriamente avvezzo. Come ricorda, fra le altre cose, Bruno Zanin, ex attore e poi scrittore e giornalista di area cattolica:
Dicevo a tutti di non mandare i figli ad Amelia perché rischiavano di finire nell’harem di don Pierino
Secondo don Pierino i suoi problemi giudiziari farebbero parte di "un'offensiva ebraico-radical-chic che mira a screditare la Chiesa Cattolica", salvo poi correggersi dopo le scontate proteste della comunità ebraica ("Se l’ho detto mi è sfuggito, ma intendevo dire lobby massonica radical-chic"), al che si sono arrabbiati i massoni ("Faccia i nomi di questa lobby massonica che ce l'ha con la Chiesa, altrimenti lo denunciamo", tuonò Luigi Danesin), roba da non credere. Cosa sia poi un'offensiva massonica radical-chic qualcuno me lo deve spiegare, proprio non me lo immagino un complotto ai danni della Chiesa ordito da tizi incappucciati vegani con le Clarks che guardano solo film di Herzog, ma non in televisione perché non ce l'hanno da anni, e fanno le vacanze in Laos. Stronzate a parte, in seguito ai più recenti guai giudiziari del don sono fioccate le levate di scudi da parte dei suoi amici, tizi come Berlusconi (all'eminente statista dedicò persino una scuola da lui fondata a Bangkok, roba da pazzi), Gasparri (che vinse anche il premio Madonna del sorriso, che culo, indetto dalla comunità), Casini, Buttiglione, Alemanno e tanti altri (persino Scillipoti), oltre che giudici, imprenditori, alte gerarchie militari, personaggi dello spettacolo, etc.

Al di là della sua attrazione verso i bei ragazzotti, specialmente giovani e in difficoltà, la storia criminale di Pierino Gelmini ha radici molto lontane: già nel 1965 acquistò un villone firmando un assegno di 200 milioni di lire (del 1965), poi rivelatosi scoperto; per questa marachella fu condannato a tre mesi di carcere. Poi nel 1969 fu nuovamente arrestato per emissione di assegni a vuoto, truffa e bancarotta fraudolenta. All'epoca fece molto scalpore la notizia che Gelmini possedesse una Jaguar (non per niente nell'ambiente era noto come "Padre Jaguar"); lui si rifugiò in Vietnam, ma anche lì ebbe guai con la giustizia (fu denunciato per appropriazione indebita dalla vedova del dittatore del Vietnam del Sud, Madame Nhu, nientemeno) e fece ritorno in Italia, dove lo attendevano i giudici: fu condannato in cassazione, e li scontò tutti, a due anni di carcere (erano quattro in origine, ma nel frattempo uno dei reati finì amnistiato). Fu nuovamente arrestato nel 1976 insieme al fratello, padre Eligio (soprannominato padre cachemire per il suo amore per il lusso, era il cappellano del Milan), ma stavolta le accuse si rivelarono infondate. Vale la pena vedersi questo breve resoconto mandato in onda, incredibilmente, da Matrix ai tempi di Mentana.

In tutto questo, la Chiesa non l'ha mai scomunicato (mica era a favore dei matrimoni gay), salvo sospenderlo temporaneamente a divinis perché il don si spacciava per monsignore, senza ovviamente esserlo.

link

Morirono così


18 commenti :

  1. Prendere notizie da QELSI è un pò come credere vedere le notizie di Lercio eh!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Meglio presa dal Telegraph che da un giornaletto nato da una pagina Facebook! Lo dico per voi eh! :)

      Elimina
  2. Oh Gesù... vi siete proprio scatenati!
    Ma sì, sfogatevi: in mancanza di Berlusconi morto, ci si accontenta del prete berlusconiano.
    (Poi, se Bergoglio scomunica il prete gay-friendly e non Gelmini, prendetevela con Bergoglio e con quelli che lo esaltano...)

    RispondiElimina
  3. E' morto il Gelmini sbagliato.

    RispondiElimina
  4. Quel coglione di Zanin a quanto pare l' ha detto a tutti, tranne che ai Carabinieri.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Quello stronzo di Zanin come tu lo chiami , cretino, è stato invece il deus ex machina del suo sputtanamento nei media seguito da una poi due poi dieci e cinquanta denunce , saprai bene, no, anzi dubito, che per fare una denuncia ai carabinieri su una vicenda simile quanto meno devi avere delle prove fondate, e il Gelmini era amico intimo del Generale dell' Arma e come la mettiamo? Dopo dieci anni il reato di molestie ai minori va in prescrizione dopo 10 anni..., Zanin conobbe Gelmini nel 67 quando aveva 16 anni, informati coglione che sei tu!!! Marco

      Elimina
    2. Il mio era un tentativo di calembour, senza entrare nello specifico della situazione...rilassati, amico, e goditi questa freddura:
      Qual e la differenza fra l' acne e un prete ?
      L' acne deve aspettare che abbia 14 anni per venirgli in faccia.

      Elimina
  5. Ma questo era stronzo !! Con un assegno scoperto ci si compra un' auto, o un gioiello. Mica puoi smontare una villa e portartela via !!

    RispondiElimina
  6. Era un gran trombatore...

    RispondiElimina
  7. Ma è mai possibile che in questo paese orrendo (a breve vado via) non si riesca a osservare i fatti e per forza tutto diventi una contesa tra fazioni politiche??? E' tutto lottizzato, anche il pensiero libero...
    Mica criticare Bergoglio per aver scomunicato il prete pro-froci e non Gelmini TOLGA LA POSSIBILITA' di dire che Gelmini era "quantomeno" personaggio iper-discutibile... mica esiste "destra" o "sinistra" di fronte alla corruzione come regola! Specialmente adesso che la sinistra s'è messa a copiare la destra... una volta, pure pure...
    Trombava? Glielo auguro... quella non sarebbe per me alcuna colpa, il moralismo lo lascio ai coglioni giornalisti che si perdono in mezzo alle accuse e non sanno più riconoscere quelle serie da quelle "da gossip"...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. "Trombava? Glielo auguro... quella non sarebbe per me alcuna colpa"

      Mah, insomma, si trombava i ragazzini che gli affidavano, mica andava a rimorchiare coetanei/e al baretto.

      Elimina
  8. Spero che prima di bruciare agli inferi, incontri Don Gallo che lo accompagni da Caronte a colpi di falce e martello...

    RispondiElimina
  9. Spero per lui che il Dio che ci raccontano non esista...

    RispondiElimina
  10. Spero bruci su una graticola! Figlio di puttana, schifoso, truce, laido, maniaco schifoso!

    RispondiElimina
  11. Era un gran furbone, a me chiese di fare la Santa comunione con il mio pisello...gli piaceva troppo , ma io gli dissi: Fila via checca, sono di Foligno, sono stato in comunita Mulino Silla e non ci sono cascato, altri ci stavano per diventare primi responsabili di comunità, con loro si è ben divertito, anche alcuni commessi che lavorano ora a Montecitorio gli devono dire grazie, erano suoi ex amanti, ex tossici..ora beccano tanti bei soldini...grazie a lui e al Berlusca ....informatevi...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. e te pare niente, farsi fare una pompa e finire nel troiaio di Montecitorio, 9 mila euro al mese come commesso, fosse toccato a me...manaccia!!!

      Elimina