giovedì 17 luglio 2014

Johnny Winter (1944-2014)

ZURIGO, SVIZZERA - Lo ribadiamo: non è colpa nostra se negli ultimi giorni muoiono soltanto leggende della musica. Certo, alcuni tra voi potranno asserire che sono morti altri grossi nomi appartenenti ad altre categorie, ma se abbiamo qualche minuto libero per poter scrivere qualcosa e dobbiamo scegliere tra il più grande chitarrista blues bianco di sempre (o per lo meno il più bianco) ed un premio Nobel che mai nessuno ha sentito nominare, la scelta è di un'ovvietà strabordante. Johnny era un chitarrista notevole: suonava la Firebird, ha jammato con Jimi, ha prodotto tre album capilavori di Muddy Waters (i quali vinsero ben tre Grammy e videro la partecipazione anche del chitarrismo di Johnny), si è esibito a Woodstock e ci ha sempre consapevolizzati all'idea che anche un albino possa possedere un cuore blues. Certo, i suoi trascorsi da eroinomane avevano già da tempo fatto inflaccidire i suoi tatuaggi ma, ciononostante, Johnny ha continuato imperterrito a suonare fino all'ultimo (è morto in un hotel di Zurigo mentre era in tour), a differenza di alcuni bluesmen ben più scuri di lui (non faccio nomi) che è trent'anni che annullano tournée su tournée e poi non muoiono mai.

link

Morirono così


8 commenti :

  1. Go Go, Go Johnny, Go Go Go.....che la terra ti sia lieve.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sono stato cremato.

      Elimina
    2. Cazzo Johnny.......non farti beccare da Keith (Richards). Potresti finire nelle sue narici......

      Elimina
  2. Il plurale di *capolavoro* è *capolavori*, ma in abbinata alla parola album la forma corretta anche plurale è *album capolavoro*.

    Capre che non siete altro!

    RispondiElimina
  3. Grazie della splendida lezioncina ma non riesci ad immaginare che possa averlo scritto appositamente? Se vuoi sapere il motivo, te lo dico subito: l'ho fatto per far sorridere i bambini... ma perché nessuno pensa ai bambini?

    RispondiElimina
  4. Beh la vecchiaia è stata spietata con lui, almeno adesso non andrà più in giro a fare figuracce con quel gruppo del cazzo che aveva da qualche anno.

    Ciao Johnny, You know the mojo boogie, begin to slide on down...

    RispondiElimina
  5. http://www.tomguerra.com/images/tom&johnny.JPG

    ma perché??????

    RispondiElimina
  6. Quello che non muore mai lo vidi al 4 rouses jazz festival negli anni 80 del secolo scorso e già era vecchio.

    RispondiElimina