mercoledì 16 maggio 2012

Ampon Tangnoppakul (1948-2012)

BANGKOK, THAILANDIA - Roba da non credere, Ampon Tangnoppakul, internazionalmente noto con il più pronunciabile nick "Uncle SMS" (in patria è più famoso come Ah Kong, che significa "nonno"), è morto in carcere per motivi ancora oscuri: alcuni dicono infarto, altri tumore, altri sostengono che sia stato ammazzato e così via. Ma chi cacchio era Ampon Tangnoppakul? Perché stava in carcere?

Tangnoppakul era un tizio qualsiasi, vecchio e malato tra l'altro, che un giorno ebbe la geniale idea di inviare SMS ingiuriosi a Somkiat Khrongwatthanasuk, segretario del Primo Ministro Abhisit Vejjajiva. Deo gratias, abbiamo persino il contenuto di questi quattro messaggi, ve li proponiamo senza ulteriore indugio:
Put this on billboards urgently: ‘the evil queen refuses to return the diamond to Saudi.’ Her dickhead dynasty will surely collapse.

The evil queen, the iron cunt, if you are brave enough, send your damn army to crack down on us. You, master of whores. Family of the bad people.

His Majesty dickhead king, the iron cunt queen, both of them ordered the killing of people. We will stamp on their faces with our heels.

Please tell his majesty dickhead king, the iron cunt queen and all of their children, you'll all die.
Però, ci è andato leggero. Forse era sicuro di farla franca, ma invece è andata diversamente: quella testa di cazzo del Re e quella troia della Regina si sono incazzati e hanno ordinato che venisse trovato l'autore di quegli SMS; alla fine il telefono da cui partirono i messaggi fu identificato come quello di Ampon Tangnoppakul, che, benché si sia sempre professato innocente, è stato arrestato, processato e condannato a cinque anni di carcere per ogni messaggio inviato, 5 X 4 = 20, venti anni di galera.

Ma il nostro eroe, Tangnoppankùl o come si chiama, non s'è fatto neanche un anno: è morto i primi di maggio apparentemente per cause naturali (tumore ai polmoni, dicono); ai familiari le spiegazioni non sono bastate, così hanno inscenato un funerale-protesta, con tanto di maschere à la Siamo tutti Saviano (per fortuna non siamo tutti così brutti).

Beh, questo è il caso di schierarsi: anche noi Siamo tutti Tangroppankùl! Non è possibile che nel 2012 esistano ancora 'sti stronzi eletti per diritto di nascita a comandare intere nazioni vestiti come degli imbecilli. Pensate, se in Italia ci fosse ancora la monarchia, potremmo avere lui come re! E anche se fosse, non vi piacerebbe poterlo insultare come merita? Viva Tangroppankùl, martire della libertà d'insultare chi comanda.

link

Morirono così


6 commenti :

  1. mamma mia! gli hanno dato addirittura vent'anni di galera!

    RispondiElimina
  2. Certo che la regina è veramente un bel bocconcino.....da bombare il prima possibile.

    RispondiElimina
  3. Beh anche il " Carrista del Colle " nel suo piccolo ha messo in campo la procura di nocera ad indagare su possibile vilipendio alla di lui persona!!!!!!

    RispondiElimina
  4. Re non sarebbe Emanuele Filiberto, ma il padre.
    Vili plebei ignoranti.

    RispondiElimina
  5. Re sarebbe Amedeo duca d'Aosta. Umberto II si incazzò a morte col figlio perchè aveva sposato una borghese, e lo diseredò del titolo.

    RispondiElimina
  6. EVVIVA LA LIBERTA' DI INSULTARE CHI COMANDA!

    RispondiElimina