martedì 28 febbraio 2012

Morì oggi - 28 febbraio

Anacleto Bendazzi
(1883-1982)
Di solito non trattiamo la pretaglia in termini positivi, ma per il folle presbitero ravennate don Anacleto Bendazzi (o Bazzecole Andanti, l'anagramma del suo nome, come a volte si firmava) faremo di certo un'eccezione. Effettivamente era un prete strano: ok, era romagnolo e quindi era strano di suo (ricordate quell'altro prete di Forlì che pubblicò la traduzione della Bibbia in romagnolo?), ma oltre a questo covava una morbosa passione per l'enigmistica che occupò buona parte della sua esistenza quasi centenaria. Beh, era anche uno a cui piaceva fare gli scherzi, tutt'altro che innocenti: una volta spedì una stufa al sacrestano facendogli credere che fosse una bomba, mentre un'altra volta simulò la sua impiccagione. Che tipo, fu dispensato dagli incarichi pastorali perché ritenuto inadatto al contatto con i fedeli, così si poté occupare della sua vera passione: aiutare i poveri l'enigmistica.

Il 15 gennaio del 1951 (data palindroma e ambigrammatica, 15-1-51) diede alle stampe Bizzarrie letterarie, vera chicca per gli amanti di sciarade, anagrammi, palindromi e altre cazzate che quasi tutti saltano a piè pari quando comprano la Settimana Enigmistica. Il libro contiene una quantità esagerata di giochi di parole, enigmi e componimenti bislacchi, come Vita di Cristo in 1000 anagrammi:
L’orbe va redento – dal Verbo eterno
Sì, è deciso: - così deesi.
Or è giunto il – giorno utile.
Da superna legion – dispare un Angelo...
Egli a la – Galilea
anelo volge le ali; - e là ne l’agile volo
all’albore, - l’ora bella,
è giunto avanti – una giovinetta,
vero angelo di carne: - o candore verginale!
Ella orava – allora “Ave
o al Cielo diletta!” – dice lieto l’Alato.
I suddetti giochetti non erano solo in italiano, ma anche in latino, inglese, francese e tedesco. Ad esempio, per lui Benitus Mussolini era Unus et nobilissimus, ma anche Sus in limo. Nel libro aveva inoltre identificato alcune parole più lunghe di precipitevolissimevolmente, 26 lettere, allora considerata la più lunga della lingua italiana: incontrovertibilissimamente, particolareggiatissimamente (entrambi 27) e anticostituzionalissimamente (28 lettere). Già che ci siamo, vale la pena elencare le restanti parolone individuate negli anni: promiscuominescienziosamente (Eh?), hexakosioihexekontahexaphobia (che ci crediate o no, è la paura del numero 666) e psiconeuroendocrinoimmunologia, campione con 30 lettere.

Nell'ultimo aggiornamento all'opera, risalente al '78, pubblicò tra le altre cose un componimento in 120 palindromi che aveva come tema le adenoidi:
Adenoidi. Dio ne dà.
Esse
o noia paiono
o lo sono; solo
ivi
(è verità?) poco patire v’è.
etc etc. Curiosamente don Bendazzi è riuscito a morire all'età di 99 anni (numero palindromo) il 28 febbraio del 1982 (28-2-82, anche questa palindroma e ambigrammatica). Pare inoltre abbia dettato per la propria lapide (chissà se l'accontentarono) il seguente fantastico epitaffio con coppie di anagrammi:
Lepida - Lapide
putredine - d'un Prete,
storico di - Cristo Dio!
Già, era un bel soggetto questo Anacleto Bendazzi, salutiamo la sua memoria con un dubbio teologico espresso in forma di palindromo: è Dio lo gnomo mongoloide?

Morirono così


6 commenti :

  1. secondo me è proprio Lui!

    RispondiElimina
  2. SEMPRE FREE TRUCE! VENDETTA VERA, DON ANACLETO DI SICURO NON FINIRA' IN GALERA.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. "Già, era un bel soggetto questo Anacleto Baldazzi, salutiamo la sua memoria con un dubbio teologico espresso in forma di palindromo: è Dio lo gnomo mongoloide?"

      una volta qui era tutta campagna, no... c'era solo un Baldazzi e ci stava anche bene, come un pisello nel suo baccello.

      Elimina
  3. siete i migliori, solo un pelo pubico sotto famiglia cristiana..

    RispondiElimina
  4. Guarda che la famiglia cristiana è depilata, sotto e sopra.

    RispondiElimina