lunedì 19 dicembre 2011

Kim Jong Il (1941-2011)

MONTAGNA BAITOU, REPUBBLICA POPOLARE DEMOCRATICA DI COREA - La sua nascita era stata preannunciata da una rondine e ufficializzata dalla comparsa di un doppio arcobaleno sulla montagna Paektu e di una nuova stella nel cielo. La sua morte invece viene annunciata dai giornali di tutto il mondo.

Il "Caro Leader" era a capo del quarto esercito più grande del mondo, aveva fatto quasi tutto nella vita: studiato filosofia e economia in Russia, Cina, Malta etc, costruito automobili per poter andare a scuola, riparato televisori e ovviamente governato per 17 anni la Corea del Nord.

Amante delle cose fatte bene, l'abbiamo incrociato diverse volte su queste pagine quando puniva i suoi ministri poco diligenti o quando le sue azioni a capo del Comitato Internazionale di Collegamento per l'indipendente e pacifica riunificazione della Corea fallivano misteriosamente.

Il caro Kim aveva il terrore degli aerei, viaggiava sempre in treni blindati ed è proprio durante i suoi lunghi viaggi per le visite internazionali che il defunto leader poteva godersi i suoi film preferiti (Rambo, Venerdì 13, i vari James Bond e Godzilla). Il suo amore per le cose, lo avrete ormai capito, non è mai stato superficiale e gli bastò guardare i summenzionati capolavori per diventare un esperto della settima arte, cosa che gli permise di scrivere un libro sull'argomento e lo convinse a rapire il regista sudcoreano Shin Sang-ok e l'attrice Choi Eun-Hee, costringendoli a creare un'industria cinematografica della Corea del Nord.

Kim Jong Il non guardava solo film, ma anche riso, motori, salsicce, soldatesse e tantissime altre cose.
Per alcuni il Caro Leader era già morto da diversi anni a seguito di un ictus, ma sono i classici invidiosi che non hanno nulla da fare e speculano sulle morti altrui. A questo punto non ci resta che dire addio a Kim Jong Il cantando tutti insieme "non c'è patria senza di te" e facendo un caloroso benvenuto al "grasso successore" Kim Jong un, che ha soffiato il posto a suo fratello maggiore Kim Jong nam, amante della bella vita e del gioco d'azzardo.

link

Morirono così


18 commenti :

  1. Republic of Wadiya19 dicembre 2011 11:47

    Sono incosolabile!

    RispondiElimina
  2. Lo voglio morto dell'anno 2011!!

    RispondiElimina
  3. Votate, su. Abbiamo un Morto dell'anno!

    RispondiElimina
  4. splendido necrologio! e adesso, pronto a diventare il nostro Caro MdM di Dicembre.

    RispondiElimina
  5. Eterna Gloria al Caro Leader!

    RispondiElimina
  6. Evvai! :D Uno in meno! E ora si fa fiesta!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!

    RispondiElimina
  7. penso che questo sia il più bel necrologio del 2011!!!! sicuramente sarà il morto dell'anno!!

    RispondiElimina
  8. Propongo che la sua tagline da candidato sia "guardatore di cose"

    RispondiElimina
  9. E 2 con Gheddafi! Ma per avere sto mondo pulito, la Nera Signora avrà ancora molto da sgobbare..

    RispondiElimina
  10. ...a me qui faceva un sacco tenerezza...
    http://www.youtube.com/watch?v=6z8iKVayOKk

    RispondiElimina
  11. Certo che qualche analogia, non fosse altro che per il fondotinta, con qualcuno di mia conoscenza esiste...
    Attendiamo con ansia.

    RispondiElimina
  12. Cazzo, con un dittatore morto al mese, in meno di tre anni il mondo rischia di rimanerne sguarnito. Fermiamo la cupa mietitrice!!!!!

    comunque anche io piango il caro leader putroppo sapevo che prima o poi sarebbe finita.
    Lunga vita al caro leader!
    Lunga vita al presidente eterno! (il padre)

    RispondiElimina
  13. http://www.youtube.com/watch?v=XugO4Fafdeo

    RispondiElimina
  14. Un popolo che piange è un popolo ridicolo.

    RispondiElimina
  15. non capisci che sono lacrime di gioia!!

    RispondiElimina
  16. "non c'è patria senza di te" sembra la sigla del Grande Mazinga.

    RispondiElimina
  17. Viva la Korea del Nord, grazie Kim della nave di pesce

    RispondiElimina