martedì 1 settembre 2015

Luglio 2015 - And the winner is...

OMAR SHARIF
Ma che sex symbol d'Egitto?
Women know when they've got the menopause but men don't quite know. They know it afterwards.
-best aforism ever

Andando alla ricerca di citazioni del qui presente Morto del Mese di Luglio, ci siamo imbattuti davvero in una frase che definire mitologica è poco (per non parlare della foto che abbiamo scovato, tratta da un qualche filmaccio che mai nessuno ha visto). Omar Sharif, che ricoprì per decenni il ruolo del belloccio nel cinema che fu, si troverà nuovamente in gara per concorrere al concorsone del Morto del 2015. Riuscirà a tenere testa agli altri agguerriti concorrenti? O sarà proprio lui quest'anno a ricoprire il ruolo di ultima ruota del carro? Ai posteri l'ardua sentenza.

Marcy Borders (1973-2015)

NEW YORK, NY, USA - Polvere era e polvere è ritornata Marcy Borders, la tizia sopravvissuta agli attacchi del 11/9 nota come "Dusty Lady". La Borders, che senza polvere era così, lavorava all'ottantottesimo piano della prima torre colpita; dopo l'esplosione riuscì a scappare pelo pelo prima del collasso dell'edificio, venendo poi investita dal susseguente polverone. La tapina fu poi casualmente immortalata da un fotografo e divenne la famosa Dusty Lady della foto simbolo della tragedia (seconda solo al Falling Man, che pare fosse il fratello di uno dei Village People).
I think my life became a garbage can, I was taking pills, crack, everything and anything I could get my hands on.
Non contenta di essere sopravvissuta, in seguito all'incidente la Borders perse la testa, diventò esageratamente paranoica (aveva attacchi di panico se vedeva aerei, grattaceli o arabi) e sprofondò nel solito vortice di alcol e droga. Perse financo la custodia dei figli, finché non andò in riabilitazione e ritornò ad essere una persona normale (cosa che riuscì a fare solo in seguito alla morte di Osama Bin Laden). Poco dopo scoprì di avere un cancro allo stomaco, causato, a suo dire, dall'inalazione delle polveri che l'avevano resa famosa. Purtroppo non aveva i soldi per curarsi, ed eccoci qui.
Dusty lady,
I'm lost
without you.
link

lunedì 31 agosto 2015

Oliver Sacks (1933-2015)

NYC, US - Muore Oliver Sacks, neuroqualcosa che una volta mio cuggino ha definito "l'uomo che scambiò i suoi pazienti per una carriera letteraria": più che ricordarlo per un paio di suoi libri che (ovviamente) non abbiamo mai letto, non potremo fare... quindi concluderemo il necro dicendo che di Risvegli abbiamo potuto vedere la trasposizione cinematografica con Robin Williams e De Niro, e che di L'uomo che scambiò sua moglie per un cappello non ne hanno mai fatta una e dovrebbero.

link

Wes Craven (1939-2015)

LOS ANGELES - La morte coglie infine Wes Craven. Dopo anni ed anni passati ad inventarsi sempre nuovi modi per far morire i suoi personaggi, Wes se ne va per un per nulla spettacolare cancro al cervello. Cantiamo, orsù, le lodi per un uomo che per più d'un quarantennio ci ha spaventati e divertiti e di nuovo spaventati: dal suo primo film L'ultima casa a sinistra alla mitologica serie con protagonista il cattivo più noto degli anni '80, per finire con la saga comic-horror di Scream, che a dir la verità, abbiamo visto solo il primo e ci ha anche fatto parecchio cacà, passando per Le colline hanno gli occhi (pellicola che lanciò nel gotha degli attori-mostro l'immenso Michael Berryman), Il serpente e l'arcobaleno, Sotto shock, La casa nera, Dovevi essere morta ed il più spaventoso di tutti, La musica del cuore. Addio, Wes, sappi che per colpa tua sono stato per anni terrorizzato di sognarmi a Freddy Krueger.

link

venerdì 28 agosto 2015

Paul Royle (1914-2015)

PERTH, AUSTRALIA - Vi ricordate Jack Harrison? Come potreste, è passato un lustro. Vabbè, nel suo necrologio dicemmo che si trattava dell'ultimissimo sopravvissuto alla Grande Fuga, e invece era bugia! Ce n'era un altro, il centunenne tenente della RAF australiana Paul Royle, fresco di decesso. A differenza dell'Harrison, Royle (che aveva il bigliettino n° 57) riuscì effettivamente a scappare, ma fu riacchiappato un paio di giorni dopo e rispedito in gattabuia, diventando uno dei 23 fortunelli (su 73) a non essere giustiziato dalla Gestapo. Con la sua dipartita rimane un solo sopravvissuto, Dick Churchill, proprio quello che fu risparmiato per la sua potenziale, ma inesistente, parentela con il Primo Ministro inglese. Beh, non ti allontanare troppo.

link

martedì 25 agosto 2015

Charl Van Den Berg (1982-2015)

CITTA' DEL CAPO, SUDAFRICA - Muore colui che fu insignito in vita del titolo di Mr. Mondo Gayo 2010 (oltre che Mr. Sudafrica Gayo nell'anno precedente): un uomo la cui battaglia contro le discriminazioni nei confronti dei diversamente eterosessuali giammai scorderemo.
It is my understanding that people are people before we are different. With regard to Mr. Gay South Africa, it is my aim to help break down stereotypes and differing mindsets in the global community and promote oneness and equality for all people by bridging the gap between those mindsets. Mr. Gay World presents me with a platform to work from and creates an opportunity in which to do that and it is an honour to serve the global community in this capacity!
Nella speranza che in morte possa avere il privilegio di essere incoronato Mr. Morto Gayo, preghiamo.

link

domenica 23 agosto 2015

Yvonne Craig (1937-2015)

PACIFIC PALISADES, LOS ANGELES - Gli estimatori del Joker saranno lieti: anche oggi è una giornata che valga la pena d'esser festeggiata. Defunge infatti Yvonne Craig, attrice americana nota per il suo ruolo di Batgirl/Barbara Gordon nella famosa serie degli anni '60 dedicata al collega uomo-pipistrello. Insomma, a differenza del tizio di ieri che si travestiva da Batman, del quale per ovvie ragioni non c'era molto da dire, Yvonne era amica intima del vero Batman (beh, per lo meno di Adam West) ed era talmente presa dal suo personaggio che, negli anni '80, all'uscita di Batman: the killing joke (una delle storie a fumetti più fiche mai scritte imho), si lamentò con la DC (perché mai se l'è presa con Andreotti e compagni?) perché il "suo" personaggio veniva gambizzato... proprio dal Joker, poi... beh, effettivamente il troppo è troppo!

Forse a nessun supercriminale frega un cazzo che... Yvonne Craig ha anche recitato in un paio di (inguardabili) film con Elvis (col quale, pare, ebbe anche una liaison) ed in una puntata della serie originale di Star Trek, in cui interpretò il ruolo della schiava aliena Marta.

link

sabato 22 agosto 2015

Lenny B. Robinson (19XX-2015)

HAGERSTOWN, TERRA DI MARIA - Lenny B. Robinson, tizio che, travestito da Batman, donava felicità ai bambini malati, è stato travolto da un pirata della strada mentre era intento a dare un'occhiata al motore della sua Batmobile (vettura con cui era solito girare) che gli stava dando qualche non meglio specificato problemino. Joker può aver vinto oggi, ma domani? Riuscirà a vincere anche domani? Restate sintonizzati e lo scoprirete.

link

venerdì 21 agosto 2015

Giancarlo Golzi (1952-2015)

BORDIGHERA, LIGURIA - Risvegliarsi ormai per me non ha senso senza te.

link

Uggie (2002-2015)

L.A., U.S.A. - Quanti di voi hanno sinceramente detestato quella cacata cinematografica nota col titolo di The artist? Uno dei film più sopravvalutati degli ultimi anni, talmente pieno di cliché visti e stravisti. Per non parlare della trama: ma chi l'ha sceneggiato, Spongebob? Le critiche sollevabili sulla pellicola, però, svaniscono se consideriamo l'unico ottimo esemplare di attore presente nel cast: il cane Uggie, che oggi muore a causa di un banalissimo caso di eutanasia. Bau bye, Uggie, ti scorderemo presto.

link