mercoledì 1 marzo 2017

Leone di Lernia (1938-2017)

MILANO, DIFENDI MILANO, ITALIA -
I cantanti di Sanremo devono morire!
Oh signur, è morto Leone di Lernia! Beh, considerato tutto quello che diceva di mangiare, è già un miracolo fosse arrivato alla vecchiaia. Difficile che non abbiate mai sentito parlare del panzone tranese emigrato a Milano (pare appositamente per farsi vedere ogni domenica dietro l'inviato di Quelli che il calcio a San Siro), soprattutto ora che siamo in pieno revival di musicademmerdadance anni '90 (una delle cose più brutte che potesse accadere): Leone di Lernia, che in quegli anni raggiunse l'apice del suo successo (ed è tutto dire), prendeva le suddette hit dell'estate e le trasformava in parodie spesso incentrate sul cibo e cantate in un misto di italiano e dialetto, capolavori come Cumbà Giuà, Ho fame, Maccarone, l'immortale Magnando, Ti si mangiate la banana (da non confondere con la quasi omonima cover di Gigione), Luigino, Chille che soffre, Ra-ra-ri, ra-ra, pesce fritto e baccalà, Uè Baccalà e tanti, troppi, altri.

Già, era fuori di testa (per comprenderlo oltre ogni ragionevole dubbio basta vedere un'intervista a caso), altrimenti non si sarebbe mai candidato alle comunali milanesi del 1997 nelle liste di quel fascistone di Giancarlo Cito (a proposito, era uno degli sfigati, insieme a Squitieri, ad aver perso il vitalizio).

Beh, cumbà, salut'm a Sord. Foggia style.

Forse a nessuno frega un cazzo che...
Contrariamente a quanto pensavo, si chiamava davvero Leone Di Lernia (Leonardo, in realtà).

link

Morirono così


11 commenti :

  1. Le stronzate che cantava era bravissimo meglio di giggi da lesso

    RispondiElimina
  2. Un grande che ci ha lasciato. Onore a te Leone. P.S. Ebbi il piacere di conoscerlo di persona (passeggiava spesso per i navigli) ed era una persona veramente gentile.

    RispondiElimina
  3. Si ok, siamo tutti d'accordo, ma sto aspettando con ansia l'angolo della VERGOGNIA x l'ippopotamo che hanno "malmenato" e poi è morto

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Concordo! Ps: anche per Leone di Lernia potrebbe esserci un angolo nello zoo di Gesù, comunque..

      Elimina
  4. Ora si metterà dietro a dio durante le interviste della domenica.

    RispondiElimina
  5. grande Leone! Tu si che avevi il sale, altro che la pasta....

    RispondiElimina
  6. Un guitto canterino in meno...

    RispondiElimina
  7. Ricordo che dietro a quelli di quellicheilcalcio si piazzasse spesso anche il sosia di luciano pavarotti (in allora ancora non defunto e quindi liberamente parodiabile)

    RispondiElimina
  8. Ciao Leone insegna agli angeli che il biondo non va più e a tingersi di quel bel color mogano...

    RispondiElimina
  9. Leone, ti voglio bene.
    Ci vediamo all'inferno, a ballare quella schifezza di musica AUZ ADAVADAI!!!!! Che almeno hai reso un po' simpatica. :')

    RispondiElimina