venerdì 5 agosto 2016

Corrado Farina (1939-2016)

ROMA, ITALIA -
Avete cambiato faccia, ma continuate a succhiare il sangue alla gente!
Se dovessi dirvi il motivo principale per cui scrivo e continuerò a scrivere su questo sitarello demmerda, beh, di sicuro è perché mi permette di conoscere personaggi come Corrado Farina, l'ultimo dei registi (ma anche attore, sceneggiatore, scrittore, etc) morti in questo maledetto luglio 2016. A differenza degli altri defunti, Farina ha avuto la sfiga di nascere in Italia, altrimenti avrebbe magari avuto la fama che meritava, così è riuscito solo a farsi produrre due lungometraggi che nessuno ha visto (beh, quasi nessuno): Baba Yaga (tratto da un fumetto di Valentina di Crepax) e Hanno cambiato faccia, allegoria anticapitalista dove i moderni vampiri succhiano il sangue delle loro vittime non in senso letterale, ma attraverso il consumismo, la pubblicità, bla bla. Beh che ve lo dico a fare, è molto bello, per il Mdm consiglia, vedetevelo! Baba Yaga non vuole saperne di scaricarsi, ma sembra figo anche quello.

Inizialmente, Farina era un regista di caroselli (non a caso, in entrambi i film sopracitati e sopralinkati compaiono degli spot), ne ha diretti ottordicimila fra cui quello della Lavazza con Tiberio Murgia, la serie Il signor Mario Rossi (il bambino è il figlio Alberto), Lo scommettitore con Nicola Arigliano e poi Sambuca, Orologi Omega, Philco, Dentifricio Johnson&Johnson, Olio Sasso etc etc, ma è stato anche sceneggiatore di fumetti (Diabolik e Zakimort) e regista di documentari industriali (I dialoghi dell'acciaio, Alfa 75 Superstar, Uomini e robot, Il tunnel sotto Parigi), istituzionali (Cento di questi anni, purtroppo non sono riuscito a trovare il video) e non (Caro Corrierino) e svariati servizi TV (Le radici di Benigni).

Dulcis un fundo, è stato anche un romanziere (eccolo che legge un suo libro alla statua di Pessoa): fra tutti spicca, e come non potrebbe, un suo romanzo del 2008, L'invasione degli ultragay: la storia parte da un assunto simile a quello di Io sono leggenda (Farina era, comprensibilmente, un grande fan di Matheson), il libro è scritto infatti dal punto di vista di uno scrittore che è rimasto praticamente l'unico etero sulla Terra, e subisce quindi le discriminazioni della maggioranza; sembra interessante, lo leggerò anche se a qualcuno non è piaciuto.

link

Morirono così


4 commenti :

  1. Personaggio meraviglioso, oltre ai film ed ai libri lo seguivo anche su "nocturno" dove aveva una rubrica sembrava un uomo di rara sensibilità ed educazione

    RispondiElimina
  2. Pietro pacciani5 agosto 2016 20:40

    E sell'era osi' bravo ome dici.. unn'era Farina del suo sacco !

    RispondiElimina
  3. Tutto molto bello però se non vi muovete a proclamare bud morto di giugno io non potrò votare per il primo albero MDM

    RispondiElimina
  4. Siamo in ferie agostane o è rimorto il sito?

    RispondiElimina