martedì 11 agosto 2015

David Zink (1960-2015)

BONNE TERRE, MISSOURI, USA - Beh, data la scarsezza di morti decenti, perché non recuperare un bel condannato a morte? E vai allora con David Zink, recentemente fatto fuori dallo Stato del Missouri.

Crazy little Zink called love
Siamo nel 2001. In una strada isolata David Zink tamponò leggermente la vettura della diciannovenne Amanda Morton, nomen omen; poca roba, ma Zink era ubriaco ed era stato rilasciato da pochi mesi con la condizionale dopo una condanna di 20 anni per rapimento e stupro. Temendo che questo incidente potesse riportarlo in carcere, che ha fatto il genio? Ha rapito la giovane e l'ha portata in un motel, giusto per farsi riconoscere dal proprietario, con tanto di firma autentica sul registro, poi l'ha stuprata e infine l'ha ammazzata, seppellendo il corpo in un cimitero (che originalità!). Ecco qui parte della confessione che rilasciò all'epoca del delitto, dove racconta i truculenti dettagli dell'omicidio, ridendo sotto i baffi.

Zink I never told you
Dapprima Zink ha provato ad evitare la pena di morte, ma alla fine ha ceduto; anzi nel suo ultimo discorso pare avesse accettato di buon grado la cosa. Dopo le solite scuse ai parenti
I can't imagine the pain and anguish one experiences bla bla bla...
I also have to apologize to the second set of victims, my family and friends, bla bla bla...
I kept my promise to fight this case for their benefit, bla bla bla...
ha rilasciato questa significativa dichiarazione, indirizzata ai suoi colleghi del braccio della morte:
For those who remain on death row, understand that everyone is going to die. Statistically speaking, we have a much easier death than most, so I encourage you to embrace it and celebrate our true liberation before society figures it out and condemns us to life without parole and we too will die a lingering death.
I don't want to miss a Zink
Prima di andare all'altro mondo, Zink ha beneficiato del consueto ultimo pasto. Nonostante l'ampia scelta garantita in Missouri, altro che il Texas, Zink ha ordinato il tipico menu del cazzo del bifolco medio americano: cheeseburger, patatine fritte, una cheesecake e una bibita.

link

Morirono così


20 commenti :

  1. Bello aprire la pagina dei commenti e vedere che 4 degli ultimi 6 morti per esecuzione sono negri. Poi si lamentano sempre che li fanno fuori.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Non è assolutamente una trollata, è una constatazione. Premi su: "esecuzione" e guarda tu stesso. Poi che siano ai margini della società americana e che per questo abbiano più probabilità di commettere crimini e di finire nel braccio della morte non lo discuto.

      Elimina
    2. Dopo 6 negri, ZINK !!, arriva il bianco.

      Elimina
    3. c-c-c-combo breaker

      Elimina
  2. Il braccio della morte è sempre uno spasso!

    RispondiElimina
  3. "Crazy little Zink called love"
    "I don't wanna miss a Zink"
    io vi amo. Grazie di questo e grazie di queste storie assurde.

    RispondiElimina
  4. -NonSonoUnRobot-11 agosto 2015 19:26

    Ma se uno come ultimo pasto ordina il panino più lungo del mondo (che se non ricordo male il record attuale è di 1,3 km) glielo portano ? E soprattutto poi deve finirlo x forza entro un certo tempo limite o non possono seccarlo fin che non finisce il panino ?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. per mangiare il panino non hai limiti di tempo, però se la tua seduta dovesse essere particolarmente elettrizzante poi chi lo mangia il toast?

      Elimina
  5. Benson, il discorso dei negri in America é molto delicato. Bisogna vedere che VALENZA sociale hanno VERAMENTE, là. Metti che scopriamo che hanno l'esatto ruolo di rom, rumeni, georgiani e magrebini qua...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Questo è vero, i neri negli USA hanno sempre una marcia indietro. Ultimamente mi capita di leggere sempre che i poliziotti hanno ammazzato dei neri disarmati negli USA. C'è da esserne sconvolti da tanta violenza della polizia, e mi chiedo: "possibile?" Poi leggi bene e scopri che magari oltre ai titoli di giornale le storie sono un po' più complesse. Tipo, ultimamente un ragazzo nero è stato ucciso perchè non si è fermato all'alt del posto di blocco, un'altro perchè è stato fermato perchè girava con l'auto senza targa e si rifiutava di scendere dall'auto e di mostrargli i documenti, un'altro perchè con la sua macchina ha sfondato la vetrina di un negozio. Poi che i poliziotti USA siano violenti e si sentano tutti un po' pistoleri non lo discuto, che ci siano state uccisioni ingiustificate nemmeno, però nemmeno dall'altra parte ci sono stati comportamenti esemplari in alcuni casi. Penso che tutti voi vi fermate all'alt dei carabinieri, che tutti voi girate con la targa, che tutti voi mostrate i documenti se ve lo chiedono e che tutti voi non vi divertite a sfondare con la vostra auto le vetrine.

      Elimina
    2. @Richard
      Tutto condivisibile, escluso che per nessuno dei reati che stanno dietro le storie da te raccontate è prevista la pena di morte. E se anche lo fosse dovrebbe essere un giudice ad emettere la sentenza...
      In un certo senso sarebbe bello, sai quanti esilaranti condannati del mese avremmo in più?

      Elimina
    3. Infatti non è assolutamente giusto, ma forse negli USA c'è un livello di violenza tale che chiunque abbia una pistola, poliziotto, nero, latinos, bianco o cinese che sia, si sente subito in dovere di estrarre la pistola e sparare. Passi per tutti, ma i poliziotti dovrebbero essere i tutori della legge, non dei pistoleros. E' evidente che se questi episodi continuano a ripetersi il problema non è tanto di un singolo poliziotto, ma è di una mentalità comune di violenza, dove si risponde alle presunte minacce con la forza, dove sopravvive solo chi spara per primo (forse dovuto alle innumerevoli armi che girano? Ho letto che ci sono 90 armi da fuoco per 100 abitanti negli USA, in Italia 12 armi per 100 abitanti). Chiaramente, più la classe sociale a cui appartieni è disagiata, e più è probabile che qualcuno si senta "minacciato" e decida di imbottirti il culo di piombo.

      Elimina
    4. Gli USA sono rimasti al Far West, la loro società non si è evoluta più di tanto: lì si spara e si ammazza facile... Poco tempo fa a Napoli un uomo ha sparato dal balcone di casa uccidendo delle persone; a Milano un uomo è entrato in tribunale con la pistola ed ha ucciso delle persone... Entrambi sono stati arrestati, ma se fosse successo negli USA li avrebbero semplicemente fatti fuori.

      Elimina
    5. + armi
      - falsi perbenisti

      Elimina
    6. https://www.youtube.com/watch?v=oWs75XhDMj4

      Elimina
    7. Anch'io concordo che le cose non sono come le dipingono i giornali pensa che un negro,seppur disarmato, voleva farla franca pur avendo un fanale bruciato...quando è troppo è troppo...per fortuna gli hanno svuotato un caricatore addosso rendendo difficile il riconoscimento ai familiari.

      Elimina
  6. Su Ytube c' é il video del cop che sdraia e ammanetta ragazzini negri che si erano imbucati a un piscina party a casa d' altri, non invitati, bellamente già in costume, rifiutandosi di smammare alle proteste dei padroni di casa, in totale arroganza di maniere. Roba da mollargli contro dei pitbull, e il poliziotto adesso é nei casini. I negri non aiutano granché la distensione.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Forse non hai visto la parte in cui tira fuori il ferro.é la parte più divertente.

      Elimina