giovedì 28 maggio 2015

Paula Cooper (1969-2015)

INDIANAPOLIS, INDIANA, USA - Che ironia, parte 2: è defunta Paula Cooper, passata alla storia per essere stata la più giovane condannata a morte d'America. A.D. 1985: la quindicenne Paola Cooper e alcune sue coetanee avevano fatto zumpo a scuola e, dopo una mattinata passata a bere alcol e fumare erba, decisero di andare in sala giochi. Ma in scena non ci vai se la grana non ce l'hai, per cui il gruppetto pensarono di rapinare un'anziana biblista vicina di casa che dava lezioni gratuite ai giovani del quartiere. Con la scusa delle lezioni sulla Bibbia entrarono in casa della vecchia e l'accopparono: fu Paola Cooper a compiere materialmente il gesto, pugnalando la 78enne ben 33 volte con un coltello da macellaio. In seguito recuperarono i pochi soldi che la vittima teneva in casa (10 dollari) e fuggirono con la sua auto. Nonostante l'età, la Cooper fu condannata alla sedia elettrica, cosa che provocò un'ondata di sdegno nel mondo, soprattutto in Europa; contro la sentenza si schierarono un po' tutti: GP2, Nessuno tocchi Caino, Amnesty International, etc. Solo dall'Italia partì una petizione, poi presentata all'ONU, di ben 2 milioni di firme.

Alla fine cotanta mobilitazione diede i suoi frutti: la pena fu dapprima commutata in ergastolo, poi di nuovo in 60 anni di carcere, dei quali ne scontò 26 per buona condotta; così, a 43 anni, Paula Cooper tornò finalmente in libertà, pronta a vivere una nuova vita. Beh, mica tanto, visto che l'altro ieri, ad appena due anni dalla scarcerazione, s'è sparata un colpo in testa. Tutto 'sto casino per niente.

link

Morirono così


9 commenti :

  1. E' morto Caligari, porcoddio.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Chi si firma è perduto28 maggio 2015 16:36

      Immagino non ti riferisca al grande Werner Krauss, visto che è trapassato roemoto (da circa 60 anni) ma al ben più sterile e inutile regista tossico. Speriamo che l'ultimo lavoro che lo ha portato alla tomba sia almeno decente.

      Elimina
    2. La corazzata Potemkin... E' UNA CAGATA PAZZESCA!!!

      Elimina
    3. @Chi si firma è perduto: perbacco, non ti si può nascondere niente! immagini proprio bene. Infatti, se avessi voluto riferirmi a Werner Krauss avrei scritto "è morto Werner Krauss, porcoddio". Invece no, mi riferivo proprio a Caligari, che è morto giusto l'altro giorno.

      Elimina
    4. non fa una piega

      Elimina
  2. peccato, era una bella gnocca

    RispondiElimina
  3. Ma io ero rimasto all'inizio della storia... Alla fine ci sono andate o no a sta cazzo di sala giochi ?

    RispondiElimina
  4. Aveva i capelli come Keith Flint cantante dei Prodigy nei tempi andati! https://recoverynetworktoronto.files.wordpress.com/2015/01/firestarter.jpg?w=640

    RispondiElimina