lunedì 4 agosto 2014

Rod de'Ath (1950-2014)

GALLES, UK - E' un vero onore per un necrologizzatore™ come il sottoscritto scrivere di un uomo che si chiamava de'Ath. De'Ath è stato, dal 1972 al 1978, il batterista della band guidata dallo schitarratore irlandese Rory Gallagher e fin qui, niente di strano. La cosa bella è che sono anni che de'Ath (forse proprio per via del cognome che si portava appresso) lo spacciano per spacciato: negli anni '80, mentre cercava di salire su di un treno in corsa (genio!) , venne da quest'ultimo arronzato e perse un occhio e parte delle funzioni cerebrali. I medici gli diedero quattro anni di vita e lui sparì dalla circolazione. Nel 1995, alla morte di Rory, si sparse la voce che anche il buon vecchio de'Ath fosse morto, al che quest'ultimo decise di non presentarsi al funerale per non rubare la scena al cadavere, mostrandosi in pubblico soltanto qualche mese dopo ad una serata in ricordo del chitarrista. Scomparve di nuovo dalla circolazione ed è solo nel 2012 che confermò nuovamente di essere ancora in vita, presentandosi al funerale di Lou Martin, che insieme a Gallagher e de'Ath suonava le tastiere. Dato che i suoi colleghi sono già morti tutti prima di lui, al suo funerale non ci sarà nessuno.

link

Morirono così


5 commenti :

  1. ' sto stronzo sembra l' Indiana Jones dei poveri..

    RispondiElimina
  2. Grazie a questo necrologio ho imparato che è meglio non tentare di salire su un treno in corsa se non è una questione di vita o di morte

    RispondiElimina
  3. Grazie a questo necrologio ho imparato che è meglio non tentare di salire su un treno in corsa anche se è una questione di vita o di morte

    RispondiElimina
  4. Grazie a questo necrologio ho imparato che è meglio non tentare di salire su un treno in corsa senza una frusta.

    RispondiElimina
  5. Lo Scarnificatore4 agosto 2014 23:17

    Grazie a questo necrologio ho imparato che se si tenta di salire su un treno in corsa, al massimo si rischia di perdere un occhio e parte delle funzioni cerebrali, ma non la vita.

    RispondiElimina