venerdì 7 febbraio 2014

Alex Shear (1941-2014)

NEW YORK, NEW YORK -
To me, looking at coffee pots is the same as looking at women.
Diamo il benvenuto nella nostra trucida collezione di morti ad Alex Shear, professione: supercollezionista. Il buon vecchio Alex, a differenza dei sottoscritti che si accontentano di collezionare cadaveri, aveva uno strano modo di riempire il vuoto esistenziale (nonché i suoi 11 garage disseminati negli States): collezionava infatti qualsiasi oggetto kitsch possibile ed immag(azz)inabile. Se è mai esistito un uomo che possedesse aspirapolveri a forma di astronave, valigie con ferri da stiro nel manico, pogo stick a benzina, spassosissimi giochi da tavolo e chissà quali altre diavolerie, quell'uomo era Alex Shear. La sua megacollezione superava l'invidiabile (ed incredibile) cifra di centomila cacatine, non osiamo immaginare la felicità che oggi coglierà i suoi eredi.

link

Morirono così


1 commento :

  1. il manico della valigia - ferro da stiro è 'na figata cosmogalattica :)

    RispondiElimina