venerdì 20 settembre 2013

Hiroshi Yamauchi (1927-2013)

KYOTO, GIAPPONE - Diciamo sayonara a Hiroshi Yamauchi, fondatore della Nintendo. Beh, fondatore non proprio, ma fu lui a trasformare l'azienda di famiglia (che dal 1889 produceva delle carte da gioco chiamate Hanafuda) nel colosso dell'intrattenimento elettronico che tutti conosciamo. Yamauchi era noto per la sua conduzione "imperiale" dell'azienda: supervisionava personalmente tutti i progetti e se qualcuno non era d'accordo con lui, lo licenziava. Creò tre distinti team di ricerca e sviluppo in competizione tra loro; chi aveva l'idea migliore aveva poi l'opportunità di realizzarla, mentre gli altri per il disonore facevano seppuku. Yamauchi si dimise nel 2002, dopo cinquantatré anni di presidenza, pur rimanendo a capo del consiglio d'amministrazione, fino al ritiro definitivo per motivi di vecchiezza nel 2005.

Su Yamauchi tempo fa girava una simpatica storiella, poi tristemente rivelatasi falsa (il tutto fu generato da una finta intervista): nel 2005, prima dell'uscita della Wii la Nintendo non se la passava molto bene, così la Microsoft cercò di approfittare del momento di crisi e acquistare la società. Quindi il simpatico Ballmer volò a Kyoto per incontrare Yamauchi, ma l'offerta avanzata fu ritenuta talmente offensiva da costringere quest'ultimo a rispondergli:
Hey Ballmer, suck my yellow balls!
link

Morirono così


4 commenti :

  1. Microsoft Paint!!

    RispondiElimina
  2. NoN Penso che la NINTENDO si kiamasse Hanafuda, ma cmq...
    Yamauchi è stato un grande Presidente, sono Rattrisato x la sua scomparsa, ma nn poteva cerco fregare tutte le ciotole di riso ai bambini poveri x tutta la vita?! xD

    Onore al Vekkio okki a mandorla, con l'idea che la NINTENDO possa far meglio adesso ke kon quell'imbecille di Iwata...ecco..lui potrebbe anche Seguire presto! xD
    hahahahahhahahahhahahhaha

    NINTENDO!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!

    RispondiElimina
  3. Consiglio a tutti koi-koi, il gioco più popolare delle carte Hanafuda. Non a caso, il mio nick deriva (anche) da quel gioco...

    RispondiElimina
  4. Una volta provassi a leggere gli istruzzioni dell'annafudda, ma mi sembrava tutto giapponeso e non ci capivo una fava.

    RispondiElimina