domenica 11 agosto 2013

John Ferguson (1948-2013)

RAIFORD, FLORIDA, USA - Altro che necrologio ermetico (perdonateci, a volte non distinguiamo il tasto Pubblica dal tasto Salva), John Ferguson si merita più di un vuoto epitaffio. Come i più astuti avranno già capito, si tratta dell'ennesimo condannato a morte americano, ucciso stavolta dallo stato della Florida. Vediamo questo birichino che ha combinato.

Buongiorno signora, sono l'uomo della SIP
Siamo nel 1977: Ferguson, travestito da impiegato della società elettrica, guadagnò l'entrata della casa di tale Margaret Wooden, la immobilizzò e fece entrare due suoi complici. Mentre svaligiavano la casa, arrivò il di lei marito insieme a cinque amici, che furono presto legati e imbavagliati. Chissà, forse quella sera avevano dato un party: arrivò un'ottava persona, anche lei resa inoffensiva senza tante storie. Purtroppo durante le operazioni d'imbavagliamento uno dei complici di Ferguson perse la maschera, così i tre decisero di ammazzare tutti. Su otto persone, ben due sopravvisero (poi mi dite come si fa a sbagliare una fucilata a bruciapelo alla testa) e riuscirono a dare gli identikit dei malfattori. I complici di Ferguson furono catturati (entrambi giustiziati negli anni '80), mentre il nostro eroe trovò il tempo di ammazzare altre due persone: travestito da sbirro, fermò una coppia di diciassettenni che facevano le cosacce in macchina, stuprò lei e poi uccise entrambi. A causa della sua evidente follia (sosteneva di essere l'immortale Principe di Dio, qualsiasi cosa significhi, che sarebbe ritornato dopo l'esecuzione per combattere a fianco di Gesù per salvare l'America da un complotto comunista), i suoi avvocati sono riusciti per trent'anni a posticipare la data dell'esecuzione, finché i giudici non si sono definitivamente rotti il cazzo e hanno respito le ultime istanze.

Padre, nelle tue mani consegno il mio spirito
Ovviamente questo soggetto non poteva che regalarci qualche proclama delirante: prima di procedere con l'iniezione letale, Ferguson ha detto:
I just want everyone to know that I am the Prince of God and will rise again.
Sì sì, tranquillo, ci vediamo al tuo ritorno.

Questo è il mio corpo, offerto in sacrificio per voi
Il nostro mago dei travestimenti aveva già beneficiato di un ultimo pasto speciale lo scorso ottobre: in quell'occasione aveva richiesto un panino con pollo arrosto e del tè freddo. Stavolta ha mangiato quello che mangiavano gli altri detenuti, non si sa se per sua scelta o perché il carcere gliel'ha negato una seconda volta: ha mangiato quindi tortini di carne e verdura, pane bianco, pomodori cotti al vapore, insalata di patate, carote a dadini e tè freddo.

link

Morirono così


16 commenti :

  1. A giudicare dalla foto e dal necro, questo stronzo non contava veramente un cazzo.

    RispondiElimina
  2. Un necrologio molto ermetico

    RispondiElimina
  3. Il miglior necrologio di sempre

    RispondiElimina
  4. Cazzo,è brutto forte!

    RispondiElimina
  5. Are you referring to Cool...?
    He lives.
    O no?

    RispondiElimina
  6. Sono senza parole...

    RispondiElimina
  7. Ma è tutto bianco, non vedo un cazzo!

    RispondiElimina
  8. Ditela tutta! E' il fratello della minestra cecile keinge.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Se gli metti una parrucca e un po' di trucco è uguale a lei...

      Elimina
  9. Era ora, maledetta carogna.

    RispondiElimina
  10. Era meglio non vederla, la foto

    RispondiElimina
  11. E che aspettavano, che morisse di vecchiaia? la pena di morte a 'sto punto fa ridere i polli.

    RispondiElimina
  12. La foto era bianca, ma lui e' negro...c'e' un significato nascosto in tutto questo ?

    RispondiElimina
  13. Come ultimo pasto bisognava dargli una vagonata di merda.

    RispondiElimina
  14. come tutti i negri....è una merda!!!!

    RispondiElimina