mercoledì 10 luglio 2013

Kimberly McCarthy (1961-2013)

HUNTSVILLE, COME AL SOLITO, TEXAS, USA - È vero, è un po' che trascuriamo la fantastica rubrica dei condannati a morte, ma ultimamente i candidati erano un po' fiacchi e li abbiamo lasciati passare senza dare loro degno commento. Stavolta è diverso, perché a morire per mano dello Stato, nonostante le rimostranze degli abolizionisti, è una donna, Kimberly McCarthy. Eh sì, esatto, si tratta dell'ennesimo caso di femminicidio! Quand'è che la gente imparerà che le femmine non si ammazzano, eh? Eh? Quando?

Se non ora, quando?
Kimberly McCarthy, che aveva alle spalle diversi arresti per truffa, spaccio e prostituzione, oltre a essere dipendente dal crack, il 21 luglio 1997 andò a bussare alla sua vicina, una 71enne professoressa in pensione, per chiederle dello zucchero. Classico favore da vicini di casa, insomma. Una volta entrata nella casa della vecchia, McCarthy la pugnalò cinque volte con un coltello da macellaio, la colpì più volte con un candelabro e poi le tagliò un dito per prenderle l'anello nuziale con diamante annesso; quindi le rubò l'auto e andò subito al banco dei pegni per tramutare l'anello in soldi e quindi in droga. Gli sbirri non fecero molta fatica ad arrestarla: la McCarthy, che in passato deve aver lavorato come Genio della Lampada, aveva conservato in casa sua l'arma del delitto, si era portata appresso la patente della vittima e inoltre aveva utilizzato la sua carta di credito per comprare alcolici. Inoltre, durante il processo venne fuori che aveva ucciso e rapinato altre due vecchiacce (una pugnalata e poi presa a martellate, l'altra pugnalata e poi finita a colpi di batticarne), che poco aggiungevano alla scontata condanna a morte.

500! 500! 500! 500!
Prima di sedere sul lettino, Kimberly McCarthy ha spiccicato le seguenti parole:
This is not a loss. This is a win. You know where I'm going. I'm going home to be with Jesus. Keep the faith. I love you all.
Certo, come no! Gesù è lì su una nuvoletta che ti aspetta, affrettati. Dulcis in fundo, poco prima di esalare l'ultimo respiro ha tenuto a informare il pubblico che
God is great
Appena è spirata, i presenti hanno subito tirato fuori cappellini, palloncini, coriandoli e lingue di Menelik per festeggiare la 500esima esecuzione in Texas dal 1976, quando fu reintrodotta la pena di morte.

L'ultimo pasto
Texas. Sapete questo che significa. Già, niente "ultimo pasto", in questo Stato maledetto i condannati mangiano quello che passa il carcere a tutti gli altri prigionieri. Il triste menu quel giorno prevedeva bistecca al pepe, purè di patate, verdure miste e torta al cioccolato.

link

Morirono così


16 commenti :

  1. Adoro la rubrica dei condannati a morte

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Chiedi se te le mandano, tanto a loro non servono piu'.

      Elimina
  2. Minchia ma sti cazzo di condannati mangiano meglio di me ...

    RispondiElimina
  3. Spero per lui che Gesu' noon porti anelli.

    RispondiElimina
  4. l'ULTIMO SUO DESIDERIO ...uno schampo antiforfora

    RispondiElimina
  5. la rubrica condannati a morte fa spaccare in due

    RispondiElimina
  6. E per cosi' poco e' stata condannata a morte?

    RispondiElimina
  7. Prostituzione ? Chi metterebbe il proprio cazzo nella bocca di questa donna ? (da viva, intendo....da morta il rigor mortis non lo permetterebbe)

    RispondiElimina
  8. Qualcuno deve essergli rimasto in gola

    RispondiElimina
  9. Ma non c'è un niente in quegli occhi, è come fossero vuoti, tipo infanzia idilliaca, comunque ha ucciso e da capire rimane poco... Tragico a dir poco.

    RispondiElimina
  10. Cazzarola, bistecca al pepe e purè, tutte le fortune 'sto bagascione!

    RispondiElimina
  11. Ma e' maschio o femmina questa faccia cosi' brutta?

    RispondiElimina
  12. A parte il fatto che è (era, pardon) un essere inguardabile, ma ha un collo che fa invidia a tison, sembra una gamba. Il pasto, visto quanto è bidone di mondezza, l'avrà comunque mangiato ed è stato di tutto rispetto, ma gli sarà rimasto per forza sullo stomaco, ovvero non avrà fatto in tempo neanche a digerirlo, vista una bella sparata in vena di qualche mondezza per far capitolare questo sacco nero. Chissa come se lo sarà gustato, pensando al fatto che nel breve, quel pasto succulento e pregno di morte insime alla sua carcassa, sarebbe stato banchetto per i vermi che crdo comunque si siano un pò schifati.

    RispondiElimina
  13. michia l'hanno accoppata più di un mese fa e il cazzo che non c'erano altri condannati divertenti:
    Date of Execution:

    May 15, 2013

    Offender:

    Jeffrey D. Williams, #999350

    Last Statement:

    You clown police. You gonna stop with all that killing all these kids. You're gonna stop killing innocent kids, murdering young kids. When I kill one or pop one, ya'll want to kill me. God has a plan for everything. You hear? I love everyone that loves me. I ain't got no love for anyone that don't love me.

    Oggi era previsto di accoppare Avila Rigoberto ma è stato rischedulato per il 15/1/2014

    RispondiElimina
  14. Puttana puttana puttana! sono condannati come lei che rendono la pena di morte una cosa molto giusta ed equa

    RispondiElimina