giovedì 30 maggio 2013

Franca Rame (1929-2013)

MILANO, ITALIA - Pare non conoscere fine la sete di anime VIP della Nera Signora questo mese: ieri s'è portata via quella di Franca Rame, arcinota attrice di teatro e moglie di quel maschio prepotente di Dario Fo, con il quale aveva avuto alcuni drammi coniugali (eh, per fortuna che c'è Agipgas!). Insieme al marito (al quale l'accomuna una candidatura a Presidente della Repubblica) è stata sempre considerata una "intellettuale di sinistra" (o, per dirla con le parole de Il Giornale, "attrice-agitatrice che portò il fanatismo in scena"), oltre che una determinata femminista: a causa del suo impegno politico, e in particolare per il suo attivismo in Soccorso Rosso e la sua esposizione nella faccenda di Pinelli (se avesse saputo la brutta fine che avrebbe fatto la sinistra italiana, probabilmente si sarebbe fatta i cazzi suoi), guadagnò le antipatie degli ambienti reazionari dell'epoca, tanto che nel 1973 fu rapita, pare dietro iniziativa dei carabinieri, da cinque fascistoni e violentata a turno.
Tengo con la mano destra la giacca chiusa sui seni scoperti. È quasi scuro. Dove sono? Al parco. Mi sento male... nel senso che mi sento svenire... non solo per il dolore fisico in tutto il corpo, ma per lo schifo... per l’umiliazione... per le mille sputate che ho ricevuto nel cervello... per lo sperma che mi sento uscire. Appoggio la testa a un albero... mi fanno male anche i capelli... me li tiravano per tenermi ferma la testa. Mi passo la mano sulla faccia... è sporca di sangue. Alzo il collo della giacca. Cammino... cammino non so per quanto tempo. Senza accorgermi, mi trovo davanti alla Questura. Appoggiata al muro del palazzo di fronte, la sto a guardare per un bel pezzo. Penso a quello che dovrei affrontare se entrassi ora... Sento le loro domande. Vedo le loro facce... i loro mezzi sorrisi... Penso e ci ripenso... Poi mi decido... Torno a casa... torno a casa... Li denuncerò domani.
Inutile dire che per quest'azione nessuno ha fatto neanche un minuto di carcere, visto che il processo s'è concluso venticinque anni dopo con la prescrizione del reato. A questa esperienza reagì a modo suo: dopo due anni portò in teatro il monologo Lo stupro (testo completo), dal quale è tratto il pezzo riportato sopra.
Ma quello che vorrei continuare a dire alle donne, anche dopo la mia morte, è di non perdere mai il rispetto di se stesse, di avere dignità. Sempre. Ripensando alla mia vita non ho mai permesso che mi si mancasse di rispetto.
link

Morirono così


44 commenti :

  1. è vergognoso che i responsabili non siano stati puniti come si conviene.
    grande franca, sarai sempre un modello per tutti, non solo per le donne.

    RispondiElimina
  2. è vergognoso che i responsabili si siano fatti Franca facendola franca.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. E tu davvero ci hai creduto che se la son fatta? Io non ci ho mai creduto!

      Elimina
    2. Io credo in Dio, Roberto Giacobbo e nelle teorie complottiste tutte... figurati quanto mi ci va a digerire lo stupro della Franca che la fanno franca!

      p.s Elvis, se ancora non l'hai capito è vivo.

      Elimina
    3. sto cazzo.. gli hanno fatto il funerale con dieci ferrari fiammanti giusto un giorno prima quello di franca

      Elimina
  3. Onore ad una grandissima DONNA.

    RispondiElimina
  4. La rame degli anni di PIOMBO.

    RispondiElimina
  5. Quel fo' con la sua voglia di fare non mi e' mai piaciuto.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. e ke me frega a me?
      pensa ke a me non piacciono i peperoni

      Elimina
  6. Pensate un po' po' se la rame si sposava piombi e il figlio avrebbe fatto l'idraulico

    RispondiElimina
    Risposte
    1. "avesse", babbalèo!

      Elimina
    2. Mammalucco culattone

      Elimina
  7. una comunistarda in meno, stasera una bella scopata per festeggiare!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Mi raccomando, pulisci bene negli angoli e sotto il divano. E non buttare la sporcizia sotto il tappeto.....fascipirla!

      Elimina
    2. si, bravo, fatti inculare.

      Elimina
    3. io non mi faccio inculare,tua madre si fa inculare, è così che sei nato/a, cagato/a in un water ;-)

      Elimina
    4. water chiari

      Elimina
    5. però devo ammettere che da giovane franca rame era pisellabile....la foto che avete messo è taroccata, sembra una balena

      Elimina
  8. Questi comunisti dovrebbero lavorare di piu' e scioperare di meno

    RispondiElimina
    Risposte
    1. povero cretino, sarai un fedele forzitalico o un popolano della libertà: te l'hanno messo in culo per 20 anni con la storia del comunismo e adesso risparmierai sul pane e ancora non hai capito. a meno ke tu non sia un mafioso o un delinquente beninteso

      Elimina
    2. Hai ragione, voi comunisti siete brave persone, dei gran lavoratori, responsabili, con grandi valori e soprattutto sincere...
      http://www.youtube.com/watch?v=fa3a50pLmu8

      Elimina
    3. ahah se dovessi produrre qualke filmetto per dimostrarti qualsiasi cosa perderei solo tempo: tu e i tuoi simili siete cani, tipo pavlov, senza nessuna autonoma capacità di pensiero.
      piuttosto, qualificati, straccione di un berlusconiano: a quale categoria appartieni? cretino, mafioso o delinquente? io sono un impiegato ke si fa un culo così per pagare le tasse che tu evadi, se appartieni alla terza categoria (e/o anke alla seconda a dir la verita)

      Elimina
    4. Lavorate di piu' e non rompete i coglioni ai padroni.Lavorate di piu' e scioperate di meno altrimenti il padrone non vi paghera' piu'siete sempre voi e? voi comunisti .Ma adesso vi licenzieranno tutti e vi sta bene perche' il padrone si e' veramente stancato dei vostri scioperi

      Elimina
    5. Sono semplicemente un cittadino Italiano che fa il suo dovere,lavoro e pago le tasse. Siete voi comunisti, ambigui scrocconi dello stato che si nascondono dietro la parola libertà per fare i vostri porci comodi...
      Vi servirebbe qualche anno sotto il vero comunismo per farvi abbassare la cresta!

      Elimina
  9. torna a sbocchinare gli zingari, fesso

    RispondiElimina
  10. D'altronde i carabinieri, in quanto notoriamente subumani incapaci di intendere e di volere, sarebbero comunque stati assolti.

    RispondiElimina
  11. speriamo i romeni non rubino le sue esequie sentendo "Rame"

    RispondiElimina
  12. gli sta solo bene che sia crepata...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. speriamo tu sia il prossimo

      Elimina
  13. Sia fatta la volonta'
    DI dio ANCHE COLO MARITO ramen

    RispondiElimina
  14. Spero che il repubblichino Fo la segua quanto prima, con quel coglione del figlio.

    RispondiElimina
  15. Il marito della Rame, il comunistissimo Dario Fo, cito WIKIPEDIA, ha un trascorso repubblichino da volontario nei parà e sottufficiale delle Brigate Nere, e si distinse per i rastrellamenti casa per casa nei centri vicini al Lago di Como.
    Il comunistissimo Dario Fo.
    Mistero buffo.

    RispondiElimina
  16. Due parassiti invece del teatro dovevano lavorare e produrre .Questi di sinistra come possono te lo buttano arreto.Basta che si lavori poco o meglio niente.

    RispondiElimina
  17. che tristezza certi commenti...grandissima Franca Rame...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grandissima ,ma qualche giorno di lavoro in fabbrica gli avrebbe fatto bene a lei e al marito ,invece di sparare cazzate e guadagnare anche tanto grazie agli stronzi che li ascoltano .

      Elimina
  18. U sturpo nunn'esiste mai esestito su' nviento'.

    RispondiElimina
  19. Grazie allo stupro, vero o presunto, ha campato alla grande tutta la vita... peggio sarebbe stato dover lavorare per far cagare il culo !!

    RispondiElimina
  20. SCOMMETTO CHE T'E' PURE PIACIUTO... scusa franca... ma mi stavi sui coglioni allora, e di certo ora il mio odio non è venuto meno

    RispondiElimina
  21. bestiame bestiameeeee stupriamo franca rame!

    RispondiElimina