mercoledì 20 marzo 2013

Ewald-Heinrich von Kleist-Schmenzin (1922-2013)

MONACO DI BAVIERA, GERMANIA - Kleist nel 1940 doveva recarsi da Hitler e sfilare con le nuove divise che i militari tedeschi avrebbero dovuto indossare al fronte di lì in poi. Egli però era un amante dei particolari e non accettava la sartoria industriale; decorò così l'interno della la valigetta che accompagnava come elegante accessorio la tenuta militare con un sacco di esplosivo, pronto a farlo saltare davanti al dittatore.

Kleist infatti a Hitler non lo poteva vedere, lo voleva morto; l'odio gliel'aveva trasmesso il padre che gli aveva dato la sua benedizione in questa missione suicida. Purtroppo però Hitler annullò la sfilata e non ci fu nessun attentato, almeno nessuno fino a quello del 20 luglio 1944 in cui Kleist era comunque coinvolto.

Come saprete se avete fatto la quinta elementare l'attentato fallì e Kleist fu mandato nel campo di concentramento di Ravensbrück, mentre il padre venne ghigliottinato a Berlino. La guerra finì, il dittatore con un testicolo solo morì per davvero, Kleist si salvò e si diede all'editoria.

link

Morirono così


16 commenti :

  1. Se passero' da quelle parti una bella pisciata e' d'obbligo.Ma dovro bere tanta tanta acqua ..

    RispondiElimina
  2. ma solo fasci commentano sto blog ormai?

    RispondiElimina
  3. Uh, questa volta abbiamo il piacere di avere tra noi un vero nazista, uno che piscerebbe sulla tomba di un uomo che avrebbe dato la vita pur di uccidere Hitler. Fantastico. I commenti a questo sito sono sempre più insostenibili, d'altro canto rappresentano questo Paese di fascisti di merda.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. L'italia ha bisogno di veri uomini e non di pappamolle finocchioni come voi.

      Elimina
    2. Più semplicemente molti sono solo pseudo trollini alternativi.
      Onore a Ewald, che fra l'altro da giovane era un bel pezzo di gnocco.

      Elimina
    3. meglio i finocchioni che i coglioni, i primi hanno sicuramente le palle che mancano ai secondi

      Elimina
    4. io li odio i nazisti dell'illinois...

      Elimina
    5. Mi sono sempre chiesto: se pois su pronuncia pua', perche' Illinois non si pronuncia illinua' ?

      Elimina
  4. Caro Kleist ti dico sono Antenora, nono cerchio!

    RispondiElimina
  5. uno dei pochi tedeschi con le palle (all'epoca)
    Rispetto massimo per Kleist, e peccato che non gli sia riuscito il primo attentato.

    RispondiElimina
  6. mi scusi, esimio autore, la dizione corretta sarebbe:
    "come sapreSte, se aveSte fatto la quinta elementare"

    PS: lo so che magari suona di merda, ma è per la costruzione della frase.

    Distinti Statt'bùn

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Come siamo messi grazie al buonismo di chi odio' il grande benefattore e' davanti agli occhi di tutti,siamo invasi da zingari che predano le nostre abitazioni ,una italia oramai stracolma di finocchioni che proliferano,circondati da drogati di merda,fame miseria e scarso amore per la patria,siamo veramente messi bene continuiamo cosi'.

      Elimina
    2. Allora mi faccio una pera mentre mi faccio sbocchinare da tuo padre poi mi faccio il tuo appartamento e mi pulisco il culo col tricolore.

      Elimina
    3. Ognuno e' libero di amare la merda quanto vuole ,questa e' la liberta' dei giorni nostri la nostra democrazia.Fai cio' che vuoi nessuno deve farti del male ,se ti piace la merda amala e adorala,ma soprattutto odora .

      Elimina