sabato 16 febbraio 2013

Gabriele Basilico (1944-2013)

MILANO, DA BERE - E' ormai cadavere il fotografo milanese Gabriele Basilico (qui in tutto il suo splendore), noto per la sua versatilità in cucina e per i suoi scatti di edifici distrutti e di culi che hanno smesso di sedersi.
Che fotografo sono? Sono un misuratore di spazi: arrivo in un luogo e mi sposto come un rabdomante alla ricerca del punto di vista. Cammino avanti e indietro, la cosa importante è cercare la misura giusta tra me, l’occhio e lo spazio. L’azione fondamentale è lo sguardo, la foto è la memoria tecnica fissata di questo sguardo, ma c’è bisogno di tempo, la foto d’eccellenza è contemplativa.
Così diceva. Cosa c'entri tutto questo coi ritratti di chiappe di cui sopra resta un mistero.

link

Morirono così


3 commenti :

  1. Peccato sia morto proprio adesso che i culi sono diventati cosi' di moda,visto l' impegno che tutti ci mettono a baciarli...

    RispondiElimina
  2. Ma com'è morto? l'hanno "pestato" ?



    RispondiElimina