venerdì 28 settembre 2012

Cleve Foster (1963-2012)

HUNTSVILLE, TEXAS, USA - Pronto? Mamma? Ciao sono io... sì, sto bene, tutto a posto, stasera ho l'esecuzione... no mamma, stai tranquilla, è la quarta volta che ci provano... mi fanno mangiare l'ultimo pasto, mi fanno fare l'ultima dichiarazione e poi mi legano al lettino, ma sul più bello arriva sempre la telefonata del giudice che mi sospende la pena, quindi mi slegano e mi riportano in cella. La prima volta mi sono cacato sotto, ma ormai c'ho fatto l'abitudine... come sarebbe a dire "chi sei?", sono io, tuo figlio! Beh, lì tutto bene? Com'è il tempo? Qui stamattina c'era il sole, ora si è un po' annuvolato... ok mamma, mi preparo che devo mangiare l'ultimo pasto, per la quarta volta. Ciao, ci sentiamo domani. Sì, ciao... ciao ciao.
Niente da fare, stavolta una telefonata non gli ha allungato la vita: dopo tre esecuzioni rinviate all'ultimo o quasi, stavolta l'ex istruttore militare Cleve Foster è stato finalmente giustiziato. Ma andiamo con ordine.

Perché lo fai
Nel 2002 Foster fu arrestato per aver stuprato e ucciso una giovane immigrata sudanese, Nyaneur Pal; insieme a un complice (anche lui condannato a morte, ma già deceduto per un tumore l'anno scorso) rapirono la poveretta, la violentarono, poi le spararono in testa e infine ne gettarono il corpo in un fosso. A incastrare Foster l'arma del delitto (la trovarono nella sua camera d'albergo, genio!) e il liquido seminale trovato sul corpo della vittima, che ovviamente era suo (come in tutti i casi di CSI, senza lo sperma non troverebbero neanche un assassino).

Le parole sono importanti
Forse sperando di prendere tempo in attesa della chiamata che stavolta non è arrivata, Foster s'è prodotto in una corposa dichiarazione (le "ultime parole" dei precedenti tentativi d'esecuzione non ci sono pervenuti):
Yes, you know I sat in my cell many days wondering what my last words would be. Love for my family, grandson, friends. I love you very much. Tonight when I close my eyes, I'll be with my father. Some time ago I got a letter, I read it and stuck it in with a bunch of stuff, and I thought to myself what a cold hearted person. I was asked about the letter, I spent half the night looking for the letter. A little part of the letter touched me. Over the years, I have learned to love, God is everything, God is my life. Tonight I will be with him. I am a parent myself; I have so much for this dear lady...
(BLA BLA BLA)
...I love you all. Warden I am looking to leave tis place on wings of a homesick angel. Ready to go home to meet my maker. What a friend we have in Jesus, oh my God I lay in awe 'cause I love you God. I love you momma, I love you Susan.
Hell's Kitchen
In realtà Foster consumò l'ultimo pasto solo un'altra volta, la prima; per l'occasione consumò due interi polli fritti, patatine fritte e un cesto gigante di pesche; all'epoca in Texas era ancora previsto il pasto speciale per i condannati a morte, ma dopo la morte di Brewer le cose sono cambiate e Foster non ha potuto ordinare quello che voleva, così ha mangiato il menu del giorno, ovvero panini con la carne, una Salisbury steak, purè, fagiolini, carote e pane.

link

Morirono così


7 commenti :

  1. Oddio...perdonatemi..ero confuso...pensavo fosse un maiale...poi ho "cleve foster" chi chiamerebbe mai un maiale con quel nome?

    RispondiElimina
  2. Non era un maiale, era un porco...e di quel porco adesso faranno lardo.

    RispondiElimina
  3. Ma cosa ha fatto di male poveraccio, avrebbero dovuto dargli una medaglia al merito e non condannarlo a morte!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ha potuto provare per tre volte le parole da dire ed è venuta fuori sta ciofeca. Immagino gli altri tre discorsi!

      Elimina
  4. Che cosa abbia da ridere non si sa'...
    Comunque inutile incazzarsi con gli americani per la pena di morte quando i grandi e civili scandinavi danno 23anni ad uno che ha fatto una strage...

    MIM

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Gli hanno dato così poco perchè i morti erano tutti comunisti.

      Elimina