mercoledì 1 agosto 2012

Lucio Quarantotto (1957-2012)

MESTRE, ITALIA - Eh sì, è successo un quarantotto (ah ah... ah): è passato a miglior vita il cantautore Lucio Quarantotto, gettatosi ieri per motivi ancora ignoti dalla finestra di casa sua. Quarantotto, autore di canzoni-che-sento-oggi-per-la-prima-volta come Tripoli, Viaggiando verso Jesolo e Pulito, era famoso soprattutto per aver scritto il testo di Con te partirò, celeberrima hit sanremese del tenore cecato più famoso al mondo (sempre per Bocelli ha scritto Canto della terra). Lo ricordiamo inoltre duettare con Caterina Caselli al concerto del Primo Maggio 1990 sulle note della sua E se questa fosse l'ultima.

link

Morirono così


17 commenti :

  1. RIP al morto che parla!

    RispondiElimina
  2. Avra' avuto le sue ragioni per abitare li'...magari pagava poco di affitto...

    RispondiElimina
  3. Ambata sulla ruota di Tripoli !!

    RispondiElimina
  4. Abitava al sesto piano per motivi ancora ignoti?

    RispondiElimina
  5. Alla fine e' partito da solo, come tutti...

    RispondiElimina
  6. Ho sessant'anni mai sentito parlare di questo matto. Suicida per me, vuole dire gente psicopatica matta.Non ci si suicida se non si e' stronzi.

    RispondiElimina
  7. Gino Complotto3 agosto 2012 06:05

    guarda caso è morto proprio a 48 anni, non vi sembra troppo un caso?? NWO alle porte!!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. tu si che la sai lunga!

      Elimina
    2. Impara a contare, complottista dei miei coglioni...

      Elimina
    3. Secondo il calendario Maya aveva 48 anni.

      Elimina
    4. Maya ? Maya chi ?

      Elimina
  8. E'una storia lunga.. troppo lunga... lungerrima.....

    RispondiElimina
  9. Voi conoscete lucio dallo, ma vi assicuro che questo povero cantautore con la profondita' dei suoi testi gli faceva un culo peggio di quello che gia' gli facevano gli amichetti.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Lucio Quarantasette, il morto che scrive3 maggio 2015 00:17

      Sì stocazzo.
      Ho scritto pezzi orribili,
      non disturbare il riposo dei morti per leccargli il culo

      Elimina