mercoledì 11 luglio 2012

Lol Coxhill (1932-2012)

HAMPSHIRE, INGHILTERRA, REGNO UNITO - Diciamo addio a Lol Coxhill; a dispetto dei più nerd di voi che nel suo nome vedono ilarità, noi rimaniamo addolorati dalla sua scomparsa. Lol, sassofonista incredibile, ci ha fornito talmente tanti album che difficilmente riusciremo ad ascoltarli tutti. Apparso al pubblico come membro della scena di Canterbury, ha suonato coi Delivery (questi per la verità non sono proprio il massimo), con Kevin Ayers, Robert Wyatt, Tom Newman, l'invincibile Fred Frith e tanti altri. Poi nel corso della carriera non ha disdegnato collaborazioni con gruppi punk come i Damned o con leggende del jazz come Braxton.

La cosa che ci piaceva di Lol è che, nonostante abbia affrontato partiture difficilissime e fosse considerato una leggenda della musica improvvisata, era rimasto una persona aperta che sapeva ancora far girare la testa alle bionde.

link

Morirono così


3 commenti :

  1. Che peccato. Lui era simpatico. Molto più simpatico di freddofritto (che credevo fosse un bel linc, ma invece mi è toccato di aprire tutte le finestre iutube contemporaneamente e alzare il volume perché giù da la casa mia ci sono gli che ascoltano la musica rep e mi stava per venire da vomitare, ma grazie a voi mi sono vomitato dentro e ho risolto tutto).

    Oh, diobo', bellissimo mi piace un casino quando mille geszisti suonano tutti uno sopra l'altro. Facetevelo anche voi (i damned no però, che schifo, non capisco, son troppo giovane o troppo vecchio)!

    RispondiElimina
  2. Apprezzo molto la dedica a Coxhill
    e la vostra competenza musicale,
    ma dissento sul vostro giudizio sui Delivery:
    il loro è un disco di progressive con tinte soul-jazz molto bello,
    soprattutto nel brano Blind to your light
    http://www.youtube.com/watch?v=erKg2wcGJpk

    Una curiosità forse poco nota è che Coxhill
    ha fatto anche l'attore: il Caravaggio di Derek Jarman è il suo film più famoso, nonchè l'unico ad essere arrivato in Italia
    (ha il ruolo di un monsignore)

    RispondiElimina
  3. Ilarita' nel nome, e anche nel cognome:
    Cox suona come cocks (plurale dell' organo genitale maschile, volgare, lingua inglese) e hill e' collina (sempre in inglese) quindi una traduzione colloquiale: "STI GRANDISSIMI CAZZI !!!"

    RispondiElimina