mercoledì 29 febbraio 2012

Giulio Girardi (1926-2012)

ROCCA DI PAPA (LA SPUTAZZA DEL PAPA?), ITALIA - E' volato in cielo don Giulio Girardi, ex prete cattolico, filosofo, docente e teologo (della liberazione). Era uno in gamba, partecipò pure al Concilio Vaticano II, ma poi il suo crescente amore per il marxismo e il suo reale impegno per i poveri e i bisognosi lo allontanarono dalla grazia di Dio: fu espulso da tutte le università (tutte cattoliche) dove insegnava, fu cacciato dalla congregazione dei salesiani e sospeso a divinis da Paolo VI e infine fu arso vivo in piazza (questo non lo possono più fare, per loro sfortuna).

Girardi fu anche uno dei pochi italiani a sottoscrivere il cosiddetto Appello alla chiarezza (che vi invitiamo a leggere), una lettera firmata da diversi teologi "dissidenti" che si opponevano (come dargli torto) alla beatificazione del "grande" Giovanni Paolo II.

link

Morirono così


3 commenti :

  1. «[...] ma poi il suo crescente amore per il marxismo e il suo reale impegno per i poveri e i bisognosi lo allontanarono dalla grazia di Dio».

    Dio, quanto amo Il Morto del Mese.

    RispondiElimina
  2. "Venite da me,che farò al vostro caro defunto un trattamento molto professionale: lo seguirò in tutto e per tutto,lo vestirò sul letto di morte,dopo averlo lavato ed asciugato,lo renderò di aspetto gradevole,lo metterò nella bara che voi sceglierete,provvederò agli annunci funebri,trasporterò la cara salma lungo l'ultimo suo viaggio lungo il tragitto dall'obitorio,alla chiesa per le funzioni e,infine,fin nella tomba lo seguirò,senza nulla tralasciare.
    Il tutto sarà svolto ad un modico prezzo".

    Preparato questo manifesto pubblicitario,il necroforò fu tradito dalla sua alleata di sempre,nelle sue fortune,ovvero dalla morte,che se lo prese,lasciandoglibenignamente il tempo di completare e di pubblicare il manifesto predetto,con scritte,a fine pagine queste tre parole: "COME NON DETTO".

    RispondiElimina
  3. Grande don Giulio: avevo seguito alcune sue conferenze a Bologna, negli anni del '68; le avevo anche registrate e me le risentivo e le facevo ascoltare ai miei amici con cui si aprivano appassionanti dibattiti.

    RispondiElimina