venerdì 16 dicembre 2011

Christopher Hitchens (1949-2011)

HOUSTON, ABBIAMO UN PROBLEMA, USA -
Sono un ateo. Non sono neutrale rispetto alla religione, le sono ostile. Penso che essa sia un male, non solo una falsità. E non mi riferisco solo alla religione organizzata, ma al pensiero religioso in sé e per sé
Sante parole! Sapevo che prima o poi (più prima che poi) mi sarei trovato a scrivere il necrologio del giornalista inglese Christopher Hitchens, ma non è certo facile descrivere in poche righe tutto quello che questo soggetto ha detto e fatto nella sua vita, per cui scriverò questo necrologio alla nostra solita maniera.

Hitchens era uno dei cosiddetti Quattro Cavalieri del New Atheism (gli altri sono Richard Dawkins, Daniel C. Dennett, Sam Harris): è stato l'autore di numerosi libri e saggi sull'argomento, fra cui ricordiamo Dio non è grande. Come la religione avvelena ogni cosa e soprattutto La posizione della missionaria. Teoria e pratica di Madre Teresa, forse l'unico libro critico nei confronti della nana albanese, dal quale vi proponiamo un estratto copincollato dal solito Wikiquote (non perdete il documentario):
Tenete presente che le entrate complessive di Madre Teresa bastano e avanzano per attrezzare svariati ambulatori di prim'ordine nel Bengala. La decisione di non farlo, e di gestire invece un centro improvvisato e inefficiente che rischierebbe denunce e proteste se fosse diretto da qualsiasi branca della professione medica, è deliberata. Lo scopo non è quello di dare un'onesta assistenza ai sofferenti, bensì di promulgare un culto basato sulla morte, la sofferenza e la sottomissione
Curiosamente, fu chiamato dal Vaticano per impersonare l'Avvocato del Diavolo (la cui successiva abolizione, ad opera ovviamente del "grande" GP2, ha fatto schizzare in alto il numero delle santificazioni) nella causa di beatificazione di Madre Teresa.

Anche se il suo bersaglio preferito era il cattolicesimo, Hitchens nel tempo se l'è presa (giustamente) con più o meno tutte le religioni organizzate: era fortemente anti-islamico (è stato lui a "inventare" il termine Islamofascismo) e criticò fortemente l'altro capo religioso iperblasonato a vanvera, il Dalai Lama, colpevole secondo lui di varie cosette (aver appoggiato la politica nucleare dell'India, aver accettato un sacco di soldi da Shoko Asahara, aver condannato il sesso anale, etc.).

Ma la religione non era il solo cruccio di Hitchens, c'era anche la politica; se devo essere sincero, non ho capito molto riguardo al suo pensiero: si definiva trotskista, ma poi appoggiava Bush e la guerra in Iraq, ce l'aveva con Michael Moore, con Tony Blair (quest'ultimo stra-perse contro di lui una sfida tv sull'argomento religione) e con Reagan, boh! Quello che so per certo è che era un fortissimo ammiratore di George Orwell, tanto da dedicargli il saggio La vittoria di Orwell. Recentemente si era sottoposto per Vanity Fair alla tortura nota come waterboarding: ecco il video.

Hitchens era noto per i suoi vizi; oltre a essere una ciminiera, era anche una specie di alcolizzato e spesso si presentava ai dibattiti palesemente sbronzo. L'anno scorso annunciò di avere un brutto tumore all'esofago con metastasi a corredo, che con tutta probabilità l'avrebbe portato presto nell'aldilà, cosa che puntualmente è avvenuta. Che Allah abbia pietà della sua anima!
I always knew there was a risk in the bohemian lifestyle... I decided to take it because it helped my concentration, it stopped me being bored — it stopped other people being boring. It would make me want to prolong the conversation and enhance the moment. If you ask: would I do it again? I would probably say yes. But I would have quit earlier hoping to get away with the whole thing. I decided all of life is a wager and I'm going to wager on this bit... In a strange way I don't regret it. It's just impossible for me to picture life without wine, and other things, fueling the company, keeping me reading, energising me. It worked for me. It really did.
link

Morirono così


20 commenti :

  1. Questa foto mi ha fatto tornare in mente il sudista. Ve lo ricordate? Che nostalgia...

    RispondiElimina
  2. Si Dr. Tod, dico proprio lui.
    Come mi piacciono gli uomini che mi capiscono al volo.
    Sei fidanzato?

    RispondiElimina
  3. Santo subito ! :-)

    RispondiElimina
  4. Cloro al clero ....(di ogni religione s'intende)

    RispondiElimina
  5. Bello venire a conoscenza di certa gente solo perchè muore....

    RispondiElimina
  6. Scusate, ma mezza pagina per dirmi alla fine che era un pazzo che con ogni probabilità era stato preso a sberlette sul coppino dagli amichietti all'oratorio quando era bambino, non vi pare un po' esagerata?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ahahahahah...geniale !!!
      Eric Cartman e' ispirato a lui !!!

      MIM

      Elimina
  7. Per me questo è stato uno dei post più interessanti di dicembre. Facendo finta di non aver letto che appoggiava Bush e la guerra in Iraq, per il resto Christopher Hitchens (che non conoscevo) m'è parso un gran fico.

    In generale, a che pro cagare il cazzo riguardo alla lunghezza di un post?

    RispondiElimina
  8. Comitato antilotitiano ProSashaTornalPorno17 dicembre 2011 11:42

    che figo. era anche uno degli scrittori preferiti di Brian Griffin

    RispondiElimina
  9. Anonimo 10.59:

    Ehm, dire che Christopher Hitchens era uno che "era stato preso a sberlette sul coppino dagli amichietti all'oratorio quando era bambino" è un po' come sostenere che Albert Einstein era "uno che voleva vendicarsi dei suoi insegnanti alle elementari per i brutti voti in matematica".

    Parlare a vanvera: lo sport preferito dagli italiani since 1861.

    RispondiElimina
  10. Sarà, ma davvero non riesco ad immaginare niente di meno interessante che discutere un'ora e tre quarti di religione con Blair.
    Cioppensato, eh? ma niente. Aridatece er curling.

    RispondiElimina
  11. L'unico morto di dicembre a meritare la vittoria.

    RispondiElimina
  12. eh, ma che brutto carattere che hai Gab. Quando si è così si prende qualcosa (puccettò).
    Comunque mi limitavo ad osservare che il necrologio, era poco ironico. Si poteva dire, chessò, che Hitchens stava a Odifreddi come la Winehouse alla Ferrero, o che uno che discute quasi due ore con TONYBLAIR di religione ridefinisce il concetto di inutile.
    Però, siccome ci tieni un sacchissimo, diremo tutti che era fichissimo.
    Anzi VERGOGNIA a me che ho provato ad ironizzare.

    RispondiElimina
  13. Essere atei e' tristissimo, la maggior parte di loro non bestemmia perche' in realta' sono preti che non hanno il coraggio di essere pedofili e si limitano a essere froci incompresi. Si puo' benissimo non credere in alcun dio senza per questo essere atei cazzoni di merda che si arrovellano per tutta la loro inutile vita pensando a come smontare una cosa inesistente.

    RispondiElimina
  14. Lo Spettro di Ishan3 gennaio 2012 15:03

    Dpdehoek. Lo dici perché sei un cazzone che crede a quel libro pieno di minchiate. Facciamo così, voi fanatici cattolici piantatela di censurarmi manga, metal, eccetera e io la smetto di dire quanto siete idioti...

    RispondiElimina
  15. Lo spettro di chi t'e' muort'

    il classico ateo minchione che vede cattolici in tutti quelli che non la pensano come lui. Morirai coglione come Hitchens.

    RispondiElimina
  16. Nuovo Ateo #1864 gennaio 2012 14:46

    Caro Dodehoek, mi sa che il coglione qua sei tu. La tua chiave di lettura è completamente sbagliata e lo si intuisce qundo scrivi "che si arrovellano per tutta la loro inutile vita pensando a come smontare una cosa inesistente."

    Il problema è tutt'altro: non si arrovellano per smontare una cosa inesistente, si arrovellano per smontare una cosa pericolosa. E' una bella differenza, caro mio.

    RispondiElimina
  17. Lo spettro di Ishan4 gennaio 2012 21:52

    @Dodohoek (e sfotti il mio di nick...): Beh certo, Hitchens è coglione, io sono coglione... Solo tu sei scaltro. E troll
    @Nuovo Ateo: hai praticamente risposto per conto mio...

    RispondiElimina
  18. Un tipico, per me splendido, esempio di libero pensatore anarcoide americano, con tutte le sfumature che noi europei siamo portati culturalmente a vedere come contraddizioni.
    E invece, sorpresa!, si PUO' avversare il concetto di religiosità e allo stesso tempo NON aderire ad una visione progressista della Storia.
    Così come, tanto per stringere sull'attualità, ritenere che il capitalismo finanziario sia uno dei peggiori sistemi socio-economici di sempre e provare l'urgenza di irrorare col napalm quella manica di rincoglioniti degli 'indignados'.
    Ce ne sarebbe anche per le 'Senonoraquando', ma sono già fuori tema e la mia ragazza argomenterebbe in maniera più pungente della mia.

    RispondiElimina