mercoledì 13 luglio 2011

Roberts Blossom (1924-2011)

SANTA MONICA, CALIFORNIA, USA - Oh no! E' morto Roberts Blossom! Ok, forse il nome non vi dirà una mazza, ma dubito fortemente che non abbiate visto almeno un film in cui il defunto attore americano interpretava qualche piccolo ma memorabile ruolo:

- in Christine era George LeBay, il sinistro vecchiaccio che vendeva l'auto maledetta al protagonista;
- in Mattatoio n.5, il film tratto dall'omonimo capolavoro di Vonnegut, era Bob il Duro ("Se capitate a Cody, nel Wyoming, chiedete di Bob il Duro!");
- in Doc Hollywood era il giudice al quale Michael J. Fox sfondava la staccionata (cose che succedono quando guidi con il Parkinson);
- in Fuga da Alcatraz era Doc, il prigioniero pittore, al quale il direttore (il sempre grande Patrick McGoohan) proibisce di dipingere dopo aver trovato il suo ritratto;
- in Mamma ho perso l'aereo era il vecchio Marley, l'apparentemente inquietante vicino di casa del piccolo protagonista (pensava avesse ucciso la sua famiglia) che infine lo aiuterà a sconfiggere i ladri a colpi di badile;
- in Incontri ravvicinati del terzo tipo era il contadino che una volta aveva visto il Bigfoot;

Solo per citare i più famosi. Oltre a questi ruoli da caratterista è stato protagonista nel promettente Deranged: The Confessions of a Necrophile e nell'episodio di Storie Incredibili girato da Spielberg, Il treno fantasma.

L'eccentrico Roberts Blossom (al quale nel 2000 fu dedicato il documentario Full Blossom: The Life of Poet/Actor Roberts Blossom) una volta dismessi i panni dell'attore decise di diventare un poeta; l'unica sua composizione che sono riuscito a trovare è la seguente, godetene:
Silence surrounds

We're love
If we could stop
Identifying repeated postures
as
Reality
And dance as
Waves of the ocean
We are
(I am)
link

Morirono così


5 commenti :

  1. basta vedere morire attori.
    Voglio vedere morire i politici.
    e che cazzo.
    dduck

    RispondiElimina
  2. Il sale intacca i cadaveri. E li trasforma in mummie!

    RispondiElimina
  3. Stavo per votarlo, poi ho letto la poesia.

    RispondiElimina