giovedì 18 maggio 2017

Chris Cornell (1964-2017)

DETROIT SUB POP, ROCK CITY - Questo maledetto 2016 non vuole smetterla di dimostrarsi l'anno più mortifero di sempre: neanche il fatto che sia finito da un pezzo sembra riuscire a farlo smettere e oggi si porta via un altro pezzo della mia gioventitudine. Ci lascia Chris Cornell, una delle più grandi voci del rock di sempre... ma questo ve lo potrebbe dire anche il sito del Corriere. Quello che non vi dirà, invece, è che, nonostante nell'ultimo ventennio Cornell abbia prodotto perlopiù escrementi dalle forme più disparate, io lo volevo bene comunque: sono cresciuto, come molti miei coetanei, con la musica dei Soundgarden e il loro repertorio è una di quelle cose che non mi stancherò mai di ascoltare. L'ho amato alla follia 'sto cazzo di gruppo, ragà, sebbene la voce di Chris non era apprezzabile in ogni occasione, sempre così invadente al punto che molti non gradivano i Soundgarden proprio per quel cantante "vittima del rock". Poi, come già accennavo poc'anzi (dopo un primo album solista coi controcazzi), Cornell ha fatto scelte musicali che considerare scellerate è poco: come formare gli Audioslave o incidere i suoi lavori solisti successivi. Ad esempio: come cancellare dalla memoria questo obbrobrio? Ricordo che qualche giorno prima di ascoltarlo mi stavo chiedendo se ci fosse mai stata una parabola discendente peggiore di quella che stava affliggendo, ahilui, Lenny Kravitz, dandomi come risposta un secco "no, non c'è nessuno che abbia pisciato fuori dal vaso come lui". Qualche giorno più tardi ero al supermercato e in radio mandavano Part of me. Riconobbi al volo la sua voce (era impossibile non farlo) e dovetti ricredermi all'istante, giungendo alla conclusione definitiva: al peggio non c'è mai fine. Perfino la reunion dei Soundgarden degli ultimi anni (che sia chiaro a tutti) è stata un qualcosa di fondamentalmente meh e inutile, però, Chris, sappi che ti perdono. E ti perdono perché se non ci fossero stati piccoli momenti di goduria dati dall'ascolto di Hunted down, Nothing to say, Flower, Beyond the wheel, Head injury, Hands all over, Gun, Power trip, Loud love, Say hello 2 heaven, Hunger strike, Call me a dog, Rusty cage, Slaves & bulldozers, Jesus Christ pose, Right turn, Let me drown, Fell on black days, Black hole sun, Spoonman, 4th of july, Cold bitch, Pretty Noose, Ty Cobb, Applebite, Can't change me, Sweet euphoria, Disappearing one, (ecceteraeccé) sul mio cammino, mi sarei perso davvero moltissimo. Un minuto di silenzio.

link

Morirono così


29 commenti :

  1. Tu dici inutile, ma ti dirò, io li ho visti l'anno della reunion nel 2012 e dal vivo non sono stati per niente male. Per chi come me (e forse anche come te) è stato giovane negli anni 90 e non ha potuto vederli allora, è stato comunque qualcosa di grandioso poterli vedere.

    RispondiElimina
  2. Black hole sun una vera ossessione. Perché non Gabbani....perchééééé'!!

    RispondiElimina
  3. comunque siamo nel 2017, non 2016. Il dispiacere fa anche questo.

    RispondiElimina
  4. Non ci posso ancora crederci, datemi una bastonata in faccia per svegliarmi che non riesco a realizzare che è successo davvero.
    Questo 2016 non finisce più.

    RispondiElimina
  5. La camera di mia sorella ereditata quando avevo 7 anni con il poster di Chris Cornell, io che le chiedo chi sia e lei che mi dice "è il più figo del mondo". Black hole sun è una delle poche canzoni che ricordo della mia infanzia, poi in seguito, quando ero un po' più grande, ho iniziato ad apprezzare tutta la discografia.
    Maledetto Chris, non ci tenevo a votarti come morto del mese!
    PS: Dalla redazione mi aspettavo nella recensione qualche gioco di parole sui titoli tipo "The day I tried to die" o "Show me how to die". Mi tocca farli a me.
    Ps2: Comunque a me il primo cd degli Audioslave era piaciuto...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Manca Eddie Vedder...e poi abbiamo chiuso il cerchio del grunge! Se ne sono andati tutti, come la nostra giovinezza

      Elimina
    2. Anche Mark Lanegan è vivo, e quando morirà non sarà certo per via di acrobazie sul palco

      Elimina
  6. Sono senza parole...
    Quante giornate passate a sentire i mitici Soundgarden...
    Ciao Chris!

    RispondiElimina
  7. Chat di whatsapp. Oggi. Io:"morto chris cornell. Oggi son triste". uno:"?". un altro: "A me è ignoto. Manda il link di qualcosa di noto che potrei aver sentito". Io: "MAI SENTITO!????? cazzo, almeno la cover di rusty cage fatta dal vecchiardo in nero, Cash...quella la avete sentita!!! Dai...Seattle...Sub Pop, Nirvana, MotherLoveBone, Alice" Un altro "Boh...io nel contemporaneo mi fermo a Berio." UNo:"Boh, mi tiro fuori, non so di cosa state parlando".
    Azz...noi froci a volte siamo davvero deprimenti. Fosse morta Madonna sarebbero lì a cantar canzoni sbocchinando. Domani via le paiett e vai di maglia di Badmotorfinger al lavoro.
    E requiescat in pace.

    PS un quotidiano gratuito ha titolato "morto il re del grunge". E una giornalista lo ha definito "icona del GRUNG". Che palle sta retorica pronunciata male.

    RispondiElimina
  8. Ha sempre avuto occhi disperati, svuotati di qualsiasi piacere di vivere, molti suicidi hanno questa espressione.
    Jim Morrison, Kurt Kobain, Chris Cornell, hanno sempre avuto paura di essere delle truffe, di non meritare il successo che hanno avuto, soprattutto di non saperlo perpetrare, tutti terrorizzati di deludere il pubblico, di perdere il loro talento, di dover diventare normali.
    Dispiace.
    Però mettete anche altri personaggi, non sempre solo i musicisti, oppure cambiate nome: "Il Mortuario del Rock".

    RispondiElimina
  9. I Barkmarket sono assolutamente molto più meglio dei Saungarden. E Bleccol San è una canzone di Ligabue.

    RispondiElimina
  10. Risposte
    1. Ho pensato la stessa cosa...bel necrologio fatto da una persona che "amava" il defunto

      Elimina
  11. Stanno preparando il vaso per Hayden, vicino a Schumacher...speriamo non gli faccua ombra.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Niente vaso...addio, Hayden, fatti insegnare dagli angeli del paradiso (o dai diavoli dell' inferno) come si rispetta uno stop.

      Elimina
  12. Dispiace anche se a me facevano discretamente cagare(la voce non la sopportavo).
    più TAD e Mudhoney e meno Alice,Soundgarden e Nirvana per quanto riguarda i miei gustibus.

    RispondiElimina
  13. ieri ha segnato Ramsey dell'Arsenal.....tenetevi pronti....

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Questo e' un Serial Killer..

      Elimina
    2. Ramsey segna, e muoiono praticamente in contemporanea Hayden e Roger Moore...spero non gli facciano tirare anche i rigori.

      Elimina
  14. Mai profezia fu più azzeccata http://www.ansa.it/sito/notizie/sport/moto/2017/05/22/nicky-hayden-e-morto_cb7deec4-06c4-4d5b-b0cb-78acca773111.html

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Io spero in una recensione di questo con un angolo del vergognia postuma che sicuramente si troverà a giro.
      http://www.repubblica.it/ambiente/2017/05/22/news/zimbabwe_cacciatore_sudafricano_ucciso_dall_elefante-166108738/

      Elimina
    2. L' elefante gli ha sparato con un Zanne Mozze

      Elimina
    3. Ghaaa aha! XD

      Elimina
    4. LOL anonimo mi hai fatto ridere

      Elimina
  15. Hayden ha tagliato il traguardo.
    E non scordatevi di Daniele Piombi, grazie.

    RispondiElimina
  16. 007, la morte può attend....ah,no.

    RispondiElimina
  17. 007,il domani non muore mai... Ma tu sì.

    RispondiElimina
  18. 007 Vivi e lascia(mi) morire

    RispondiElimina