sabato 2 maggio 2015

Andrew Lesnie (1956-2015)

SIDNEY, AUSTRALIA - Si è spento Andrew Lesnie, direttore della fotografia australiano. Dopo aver lavorato, come un po' tutti gli aussie, in misconosciute produzioni locali (tipo The Delinquents), iniziò a collaborare con Peter Jackson quando questi smise di fare film belli come Bad Taste, Splatters: gli schizzacervelli e Sospesi nel tempo e cominciò a fare cacate tipo Il Signore degli Anelli (per il secondo capitolo Lesnie vinse persino un Oscar), King Kong, Lo Hobbit, etc. Alla lista di film mediocri cinematografati dal Lesnie non possiamo non citare Babe, maialino coraggioso e Io sono leggenda.

Forse a nessuno, compresi noi, frega un cazzo che...
Lesnie, insieme ad altri membri dello staff, è comparso ne Il Ritorno del Re in un minuscolo cameo: è uno dei corsari di Umbar in questa scena, appena visibile dietro il regista ciccione.

link

Morirono così


7 commenti :

  1. Che bello che si smerdi così il signore degli anelli, io sono leggenda e specialmente quella merda della merda de lo hobbit

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Lucio Quarantasette3 maggio 2015 00:44

      Non si smerda mai abbastanza il signore degli anelli

      Elimina
  2. MORTO DAVE GOLDBERG3 maggio 2015 05:01

    Ve lo giuro....mi sono distratta solo un attimo per sbucciare la banana !!!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Causa della morte: Tapis Roulant.....ma quando vi ricapita ?

      Elimina
  3. Finalmente qualcuno che apprezza dei capolavori cinematografici senza precedenti...non mi resta che lasciarvi con questa parola: SINGAIA https://www.youtube.com/watch?v=Nat2gjSwWjA

    RispondiElimina
  4. Dionigi di Alicarnasso4 maggio 2015 12:27

    Interessante non certo la vita dell'inutile bolso quanto il riferimento del mortifero a questi due film orrorifici che ignoravo.Fim(s) che piacciono a un tipo assurdo che scrive necrologi assurdi su un sito assurdo devono essere assurdi e quindi interessanti.
    Me le li vado subito a vedere, sorseggiando un ciobar e sperando di non morire di paura.

    RispondiElimina