venerdì 20 marzo 2015

Gustavo Selva (1926-2015)

TERNI, ITALIA - È proprio il caso di dirlo, è arrivata l'ora del coglione! Diamo l'estremo saluto a Gustavo Selva, giornalista RAI prima e parlamentare poi (DC, AN e Forza Italia, wow), noto per il suo feroce quanto sguaiato anticomunismo. Nel 2007 balzò agli onori delle cronache quando, per non arrivare in ritardo a una trasmissione di La7 alla quale era stato invitato, finse un malore e si fece trasportare in ambulanza (minacciando gli operatori sanitari) presso gli studi televisivi, dove poi ammise tranquillamente il "trucco". In seguito alle polemiche rassegnò le dimissioni da senatore, salvo poi ritirarle qualche giorno dopo con la scusa di non voler togliere voti all'opposizione di governo (un voto in meno del centrodestra al Senato è un giorno in più per il governo Prodi), che non significa un cazzo, visto che in caso di dimissioni di un parlamentare questi viene sostituito con il primo dei non eletti della stessa formazioni politica. Isolato dal suo stesso partito, AN, passò in quella selva di manigoldi chiamata Forza Italia, dove al confronto Selva sembrava Pertini. Per l'episodio dell'ambulanza ha poi patteggiato 6 mesi di galera per truffa ai danni dello Stato aggravata dall'abuso di potere e dall'interruzione di pubblico servizio.
- Col senno di poi (in riferimento all'episodio dell'ambulanza, ndMdm), come ti giudichi?
- Un coglione. L'ora del coglione arriva per tutti almeno una volta nella vita.
link

Morirono così


8 commenti :

  1. Gustavo Selva20 marzo 2015 17:40

    Grazie, l'aspettavo da tempo questo necro ed è ben fatto. Ora posso riposare in pace.

    RispondiElimina
  2. Per me è morto il giorno che ha usurpato l'ambulanza a chi magari ne aveva bisogno. un funerale con 8 anni di ritardo.

    RispondiElimina
  3. La Selva se animo' !!!

    RispondiElimina
  4. Uno in meno
    Sempre troppi però

    RispondiElimina
  5. Non e' che questa merda ha usurpato anche il carro funebre ?

    RispondiElimina
  6. La notizia della morte di Belva mi ha fatto sorridere per qualche ora. Rileggendo la sua biografia però ho capito che alla fine era una semi nullità, peraltro anche punito dalla vita (che è molto meno indulgente della morte), il cui unico momento di fulgore è stato probabilmente l'aver subito un pestaggio dai nazisti ed essere dunque sempre stato anti MSI. Spero che ora vada in giro con l'ambulanza di "Il Regno" di von Trier per l'eternità.

    RispondiElimina
  7. Grandissimo rip.in pace condoglianze alla fam. di questo grande anticomunista.Il comunismo porta il male ovunque

    RispondiElimina
  8. Presentero' una proposta di legge con la quale potranno venire manganellati tutti i comunisti che non lavorano e scioperano.

    RispondiElimina