sabato 31 gennaio 2015

Edgar Froese (1944-2015)

VIENNA, AUSTRIA - Ed è con estremo dispiacere che annunciamo il distacco da questo piano astrale di Edgar Froese, mente dei Tangerine Dream, un gruppo che, con la loro miscela di psichedelia kraut space ambient elettronica, ha fatto sbomballare generazioni di sballatoni. A dispetto della viaggiosità della musica dei Tangerine, Froese, forse stenterete a crederlo, non si faceva di nessuna droga, non fumava ed era (scopro or ora che si dice così) un teetotaler, ovvero un astemio totale.

Negli anni '60, Edgar Froese suonava in un gruppo di cui nessuno ha memoria alcuna ma, dopo aver incontrato Dalí, si convinse a percorrere territori inesplorati di sperimentazione sonica ed ecco che, da Electronic meditation a Rubycon, passando per Tangram, Tyger, Lily on the beach, Quinoa ed altri cento e passa album pubblicati in un quarantasettennio, è andata a finire che i TD sono diventati uno dei pilastri dell'avanguardia musicale volta alla trasmutazione della stessa in viaggio nel subconscio collettivo in nome di un'estenuante ricerca dell'essere (ma che cazzo ho scritto?).

link

Morirono così


1 commento :

  1. Scaro Pieruffi2 febbraio 2015 16:30

    Va ad insegnare agli angeli come suonare, Moog, syntetizer e VCS3..
    Zeit è un disco sconvolgente. Come creare musica senza melodia, ritmo.
    Mi mando a fare in culo da solo per questa frase quasi seria. Ciao Edgar, membro fondatore (Frose, Schulze, Schnitzler) e membro dei trio classico (Frose, Franklin, Baumann). Tanto vi dovevo.

    RispondiElimina