mercoledì 14 gennaio 2015

Andrew Brannan (1948-2015)

JACKSON, GEORGIA ON MY MIND, BORN IN THE U.S.A. - Oh, da quanto tempo non ci facevamo un bel condannato a morte! Il primo americano ad andare sul patibolo nel 2015 è Andrew Brannan, vediamo un po' cos'ha combinato.

Se c'è qualcosa che mi ha insegnato il Vietnam...
Andrew Brannan era un veterano decorato della guerra in Vietnam e come molti reduci da varie guerre era affetto da DPTS, che secondo il suo avvocato gli aveva provocato una disabilità del 100%, nientemeno; per non farsi mancare niente, era anche affetto da disturbo bipolare. Non stupisce, quindi, il suo comportamento quando nel '98 fu fermato per eccesso di velocità dal ventiduenne vice-sceriffo Kyle Dinkheller: da subito Brannan scese dall'auto (cosa da non fare mai negli States) e iniziò a prendere per il culo il giovane poliziotto, improvvisando anche dei simpatici balletti; poi prese una carabina e iniziò a far fuoco contro l'agente, che cadde a terra dopo otto colpi. Brannan si prese anche la briga di dargli il colpo di grazia, a bruciapelo, al grido di
Die fucker!
La scena fu ripresa dalla videocamera dell'auto, per cui potete vedere da voi. Il video, tra l'altro, viene normalmente mostrato durante i corsi d'addestramento nelle accademie di polizia americane. Abbiamo trovato anche questo corto, molto ben fatto devo dire, che racconta la vicenda dalla prospettiva del poliziotto ucciso.

Brannan, che era incensurato, cercò di scampare la condanna a morte dichiarandosi pazzo, ma dopo anni di rinvii e richieste di grazia respinte, alla fine ha dovuto dirigersi verso il patibolo.

Amico mio, stai per entrare in una valle di lacrime
Diversamente dalle ultime parole che Brannan disse al poliziotto, le ultime parole prima di morire sono state molto più banali:
I extend my condolences to the Dinkheller family, especially Kyle's parents and his wife and his two children.
Oh, beh, sai... la vita. A volte sei tu che mangi l'orso, a volte invece è...
In Georgia il condannato può mangiare più o meno quello che vuole, e prima di schiattare Brannan ha ordinato un pasto che solo un americano può desiderare come ultima cena: tre uova al tegamino, hash brown, salsiccia, biscuits with gravy e pecan waffles con fragole; da bere latte, succo di mela e un decaffeinato (perché, cazzo, Brannan ci teneva alla salute).

link

Morirono così


26 commenti :

  1. Abbastanza terrificante, questi fottuti yankees sono malati. E guai a pensare di togliere loro il "diritto" di avere armi.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Un mio amico mi ha detto di sparare prima e poi fare le domande. Stavo per chiedergli perché, ma ho dovuto prima sparargli.

      Elimina
    2. JOHN WAYNE BOBBITT14 gennaio 2015 20:29

      Stavo per chiedere a mia moglie perche'aveva le forbici in mano, ma non ho fatto in tempo.

      Elimina
  2. Sei proprio tu, John Wayne? E io chi sarei?

    RispondiElimina
  3. pappa celhai un blog, una pagina facebook, un forum dove possiamo leggerti? perchè qui da lepster censurano tutto!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Pappa hai rotto il cazzo15 gennaio 2015 16:33

      certo, si chiama cesso, lo puoi trovare subito dopo aver digerito ed aver droppato un turdone.

      Elimina
    2. Questo commento è stato eliminato da un amministratore del blog.

      Elimina
    3. Questo commento è stato eliminato da un amministratore del blog.

      Elimina
  4. Ragazzi, grazie per i titoli in grassetto di questo necrologio.
    «Io ti voglio bene, però dovrai ammettere che sei un cazzone, prima o poi».

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Questo commento è stato eliminato da un amministratore del blog.

      Elimina
  5. Sono contrario alla pena di morte, ma riguardo a questo caso, per una volta, non posso che accettare la sentenza, non dico come giusta, ma plausibile.

    RispondiElimina
  6. Ale o sei contrario o non sei contrario. Non è che dipende dal trigono di giove.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Hai proprio ragione, approvo ciò che hai detto

      Elimina
    2. sono contrario, ma in questo caso non andrei a protestare. Ci sono alcune che addirittura sono innocenti, altre che potrebbero essere ergastoli. Questa, non me la sento di dire niente contro. Sono in disaccordo, ma me lo tengo per me per rispetto di chi ha subito la perdite e crede nella pena di morte.

      Elimina
  7. Questo commento è stato eliminato da un amministratore del blog.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Questo commento è stato eliminato da un amministratore del blog.

      Elimina
    2. Questo commento è stato eliminato da un amministratore del blog.

      Elimina
    3. Questo commento è stato eliminato da un amministratore del blog.

      Elimina
    4. A 'sto Catone del cazzo dovrebbero tagliare le mani.

      Elimina
  8. Questo commento è stato eliminato da un amministratore del blog.

    RispondiElimina
  9. Questo commento è stato eliminato da un amministratore del blog.

    RispondiElimina
  10. Questo commento è stato eliminato da un amministratore del blog.

    RispondiElimina
  11. Vergognatevi ! Necrologiate Rosetta . Sapete solo bannarci.....speriamo che schiattate pure voi a pisciate di sangue per come offendete i morti

    RispondiElimina
  12. Questo commento è stato eliminato da un amministratore del blog.

    RispondiElimina
  13. Sempre a fare battute puerili.
    Ha preso il decaffeinato perché quello normale non l'avrebbe fatto dormire la notte.

    RispondiElimina