venerdì 13 giugno 2014

Karlheinz Deschner (1924-2014)

HAßFURT, TEUTONIA - E' cadavere già da un bel pezzo ma non ce n'eravamo accorti, ringraziamo un nostro piccolo lettore per averci informati. Parliamo di Karlheinz Deschner, senzaddio tedesco che per tutta la sua esistenza ha tentato (invano) di combattere la Sacra Romana Chiesa utilizzando le sole armi possibili: la storia e la logica. Autore di centinaia di libri sull'argomento (su tutti i dieci volumi di Storia criminale del cristianesimo), con lui se ne va un pezzo fondamentale dell'agnosticismo moderno. Preghiamo per la sua anima.
Anche se intere generazioni di teologi hanno demonizzato certe teorie di Copernico, Galileo, Darwin, quando una conoscenza vale per tutti, la avalla anche il clero; allora ognuno ha il permesso di credere ciò che un tempo era eresia, e diventare comunque beato. Quello che conta non è infatti ciò che viene annunciato, ma chi lo annuncia. Ogni «nuova» teologia è un nuovo tentativo teologico di sopravvivenza.
Lo so, trovate tutto questo disgustoso. Cercherete di farmi tacere in un modo o nell'altro. Considerate però: se voi aveste taciuto per primi, quanto volentieri lo avrei fatto anche io. E se almeno in futuro teneste chiusi i vostri becchi pieni di Dio, anch'io terrei chiuso il mio becco ateo.
Tra le più interessanti reliquie corporali ci sono senza dubbio il cordone ombelicale di Gesù e il santissimo prepuzio, esposti alla venerazione per secoli nella famosa cappella Sancta sanctorum in Laterano. Ovviamente anche una chiesa a Chàlonssur-Marne aveva un cordone ombelicale di Cristo, la cui autenticità fu addirittura «dimostrata» da padre Charles Rapine, superiore dei recolletti di Parigi. Quale delle tre chiese invece possedesse l'autentico prepuzio di Gesù non riuscì a deciderlo intorno al 1300 neanche un Innocenzo III, il papa più potente della storia. Lasciò il problema a Dio. Questi però non decise, e così il prepuzio di Gesù si moltiplicò segretamente. Una monografia redatta nel 1907, «Il santissimo prepuzio di Cristo», elenca almeno tredici luoghi che si vantano di possedere un «autentico» prepuzio divino. Nel 1427 fu fondata una «Fratellanza del Santo Prepuzio».
L'antisemitismo più violento comincia già con i più noti dottori della chiesa, con Ambrogio, Giovanni Crisostomo, Agostino – anche i roghi delle sinagoghe cominciano già sotto di loro! – e portò in modo conseguente a enormi sacrifici di sangue e di proprietà ebraiche per tutto il medioevo – quando la chiesa anticipò la «stella di Davide» hitleriana, nonché lo slogan nazista «Non comprate dagli ebrei!» – e molto più in là. Gli ebrei furono uccisi, affogati, sottoposti al supplizio della ruota, impiccati, fatti a pezzi, squartati, bruciati vivi e sepolti vivi. Furono trascinati con le corde e per i capelli ai fonti battesimali; l'alto clero partecipò attivamente, e nessuna persecuzione gli parve mai abbastanza aspra.
I francescani furono anche carnefici nei campi di concentramento che, nello «Stato Indipendente di Croazia», nella «Croazia di Dio e di Maria», venivano su come funghi. Il campo di concentramento di Jasenovac, tristemente noto per le sue decapitazioni di massa – vi morirono circa duecentomila serbi ed ebrei – ebbe per un periodo come comandante il francescano Filipovic-Majstorovic, detto «frate Satana». In quattro mesi vi furono fatte fuori sotto la sua direzione quarantamila persone. Soltanto il borsista francescano Brzica vi decapitò in una notte, il 29 agosto 1942, milletrecentosessanta persone con un coltello speciale. L'arcivescovo Stepinac, che nel maggio 1943 presentò in Vaticano un memorandum in cui sottolineava i meriti degli ustascia, ringraziava a questo proposito non a caso il clero croato, «soprattutto i francescani».
Niente nella mia vita mi manca meno di Dio.
link

Morirono così


23 commenti :

  1. Il borsista francescano Brzica ha decapitato in una notte 1360 persone... Considerando che in 12 ore ci sono 720 minuti allora ha fatto decapitare una persona ogni 30 secondi circa! Lo voglio sul Guinnes World Record!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Una breve visita su wikipedia ti farà scoprire che il numero di morti è stato esagerato.
      Si tratterebbe di una più modesta cifra, fra i 670 ed i 1100 morti.
      Sborone di un Petar.

      Elimina
    2. lo con la I minuscola13 giugno 2014 17:02

      leggi bene: c'è scritto con un coltello speciale...evidentemente usava un coltello a ripetizione!

      Elimina
    3. Ha usato un Miracle Blade III serie perfetta, con la rivoluzionaria sfera di controllo ed il manico rialzato pensato per una comodità senza precedenti!

      Elimina
    4. Ha usato le lame rotanti di Goldrake.

      Elimina
    5. Ho letto su wikipedia e mi sembra comunque una sparata enorme... Anche se fossero "solo" 670 vuol dire una decapitazione ogni poco più di un minuto per 12 ore di fila! Non credo sia una cosa fattibile!! Credo ci sia un errore di fondo: forse non le ha decapitate ma le ha soltanto sgozzate. In questo caso è plausibile, anche perché se cercate immagini del "coltello speciale" (srbosjek) sembra fatto apposta per sgozzare

      Elimina
    6. Ho letto su wikipedia e mi sembra comunque una sparata enorme Anche se fossero "solo" 335 vuol dire una decapitazione ogni poco più di due minuti per 12 ore di fila! Non credo sia una cosa fattibile!! Credo ci sia un errore di fondo: forse non le ha decapitate ma le ha soltanto scopate....che sarebbe una performance degna del miglior Rocco Siffredi !!

      Elimina
    7. lo con la I minuscola16 giugno 2014 08:44

      Vedi che il Morto del Mese insegna sempre qualcosa! Oggi ho imparato cos'è il srbosjek. E, soprattutto, ho imparato che dietro ad ogni Guinness Record c'è sempre un serio lavoro ingegeneristico. Qui c'è anche un serio lavoro di pulizia, dopo, pensate cosa vuol dire ripulire dopo aver sgozzato 1360 persone... Per una notte di divertimento devi poi pulire per una settimana...

      Elimina
    8. Anch'io ho imparato qualcosa da Il Morto del Mese.....Rocco, ti amo !!!!!

      Elimina
  2. Padre Charles Rapine doveva essere uno spettacolo, quando indossava la mitra.

    RispondiElimina
  3. Quindi la cappella si chiama cosi perche' e' atta a conservare prepuzi....si impara sempre qualcosa.

    RispondiElimina
  4. Mah..io non ho mai imparato a fare atterrare un 737.

    RispondiElimina
  5. Io prego per l'anima di questo disgraziato, affinchè il Signore nella sua infinita bontà lo possa accogliere e non condannare alle fiamme eterne. Costui ha usato i soliti argomenti che si basano sul nulla, non su fatti storici, non su fonti attendibili, bensì prevalentemente su ridicole tesi del complotto vicine ad ambienti di destra estrema. Un povero sciocco insomma, nato ed educato nella devozione a Cristo e alla sua unica Chiesa, quella dell'apostolo Pietro, che ha giocato tutta la vita a fare il ribelle, uno di questi tipici adolescenti ad oltranza che non superano mai la fase giovanile di ribellione contro la famiglia. Non saranno certo i suoi strampalati libri, considerati come spazzatura anche da eminenti studiosi critici nei confronti della religioni, a gettare ombra sulla gloriosa storia della Chiesa di Roma, una, santa, cattolica e apostolica, una storia fatta di 2000 anni di progresso, amore, carità, cura degli uomini e delle anime, conservazione e insegnamento del patrimonio culturale a artistico dell'umanità. "E io ti dico: Tu sei Pietro e su questa pietra edificherò la mia chiesa e le porte degli inferi non prevarranno contro di essa." CHRISTUS VINCIT, CHRISTUS REGNAT, CHRISTUS IMPERAT. VIVA PAPA FRANCESCO!!!!!VIVA SANTA ROMANA CHIESA!!!!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ahahaha

      13 prepuzi

      Elimina
    2. A' Butrì, io non ho ancora capito se ce fai o se sei un gran cojone pe' davero

      Elimina
    3. Butrillo, abbiamo capito tutti che hai pagato 1 milione di euro per un prepuzio farlocco.

      Elimina
    4. ..e poi l' hai rovinato con i denti...

      Elimina
  6. KARLHEINZ DESCHNER13 giugno 2014 21:44

    A' Butri', io ero ateo, ma almeno non ero stronzo....

    RispondiElimina
  7. Karlheinz Deschner, un grande!

    RispondiElimina
  8. Date subito un premio, un onorificienza o un titolo nobiliare a questo tizio!

    RispondiElimina
  9. Chitastramuerte22 giugno 2014 22:45

    Quando ci sono di mezzo i giudei i numeri impazziscono

    RispondiElimina

  10. In morte di Karlheinz Deschner


    A mai più, studioso conoscitore-divulgatore del Vero
    che tracciasti tante vie, che per me furon maestre!
    Esprimo per la tua dipartita un mio pensiero sincero
    commosso e grato d'avermi aperto porte e finestre...

    Vivrai ora nell'unico luogo atto ad accogliere i morti:
    l'imperituro ricordo con stima nella mente d'onesti ... http://www.sharedits.net/M-Ebooks-E-18-C-50.html

    RispondiElimina