mercoledì 14 maggio 2014

Yuji Kodama (1932-2014)

IN GIAPPONE, DICEVAMO... - ... se ne sono sbattuti i cc.dd. per anni ed hanno costretto i lebbrosi a vivere segregati fino al 2001, anno in cui il qui presente Yuji Kodama, dopo una lunga battaglia a colpi di azioni legali, riuscì a convincere l'imperatore o chi per lui a riconoscere la non-esistenza di rischio di contagio (è azzerato dopo un paio di settimane di terapia). I lebbrogiappi furono quindi liberati e risarciti di tutti gli abusi che hanno dovuto per decenni sopportare, tra i quali (oltre alla privazione della libertà) troviamo sterilizzazioni ed aborti coatti e punizioni corporali per i "pazienti disturbatori della quiete".

link

Morirono così


2 commenti :

  1. Ma era ancora vivo nella foto? Sembra un incrocio tra Michael Jackson e il povero Borgonovo!

    RispondiElimina
  2. Ma perchè rompere i coglioni all'Imperatore. Non era già abbastanza impegnato a putrefarsi?

    RispondiElimina