venerdì 2 maggio 2014

Emilio Riva (1926-2014)

MALNATE, VARESE, MOLTO LONTANO DA TARANTO, ITALIA - Muore, nel caso non ve ne foste accorti, il "ragiunatt dell’acciaio" padrone dell'Ilva da un annetto agli arresti domiciliari.

Imprenditore vecchio stampo, come lo definiscono i giornali, si vantava di non aver mai chiuso un'azienda garantendo un sacco di lavoro a tantissima gente. Nonostante questo, sembra che le accuse di "disastro ambientale" che portarono al sequestro dello stabilimento di Taranto e il suo coinvolgimento in un processo che lo accusava della morte di tanti suoi dipendenti, abbiano sfiorato un po' la sua immagine tanto che moltissimi suoi fan lo hanno salutato così. Ma d'altra parte Emilio diceva:
Io mi affeziono poco alle persone, niente alle cose

link

Morirono così


3 commenti :

  1. Spero che l'inferno sia collocato sotto Taranto, almeno 'sto gentiluomo starà un po' in ammollo nei propri fanghi tossici e si snifferà un po' dei propri fumi. Premio Merda dell'Anno.

    RispondiElimina
  2. Dopo 1818 anni ci lascia Emilio Riva...

    ...forse è meglio correggere!

    RispondiElimina
  3. Uno che ha fatto l'Italia! Si, proprio questa merda di Italia!

    RispondiElimina