martedì 21 gennaio 2014

Dennis McGuire (1960-2014)

LUCASVILLE, OHIO, USA - Ha esalato l'ultimo respiro Dennis McGuire, ennesimo condannato a morte Made in USA. Dato che le scorte di pentobarbital (il farmaco comunemente usato per l'iniezione letale) erano terminate, i tizi dell'Ohio hanno deciso di provare un nuovo cocktail di droghe, mai sperimentato, composto da Midazolam e da Idromorfone. Le cose non sono andate come previsto, e il tapino per andare all'altro mondo c'ha messo "quindici minuti di terrificante agonia", lasciandoci poi immersi nelle solite polemiche del cazzo, in vigoroso aumento da quando si tenta ipocritamente di trovare un modo civile per uccidere una persona. Fatevene una ragione, non esiste un modo "civile" per uccidere, invece di preoccuparvi di sterilizzare l'ago dell'iniezione letale ammazzatelo e basta, sparategli in testa o che ne so, ghigliottinatelo, e subito, senza aspettare 25 anni dopo la condanna. Eccheccazzo.

Ma cosa avrà fatto mai?
1989: la nostra storia inizia con la ventiduenne Joy Stewart, la quale, incinta di 30 settimane, cercava un modo di soddisfare le tipiche voglie di una donna in gravidanza; fra queste c'era la voglia di marijuana, così si recò da un tizio che poteva procurargliela, un meccanico, tal Dennis McGuire. Lui disse "Come no, vieni con me, te la do io l'erba", quindi la caricò in auto e la portò in un posto isolato, dove la violentò e poi le taglio la gola. McGuire, subito fra i sospettati, fu incastrato dal confronto del suo sperma con quello trovato nel retto della vittima (già... lei era incinta... quindi...).

Dammi un po' di pentobarbital, baby
Magari fossero state queste le sue ultime parole, invece sono state queste:
I'd like to say to Joy's family, thanks for the letter and the kind words. They meant a lot ... To my children, I love you. I'm going to heaven. I will see you there when you get there.
Canis Canem Edit
Siamo in Ohio, e in questo civilissimo Stato (che ha reintrodotto la pena di morte nel 1999) ogni condannato ha diritto allo "special meal" e può ordinare più o meno quello che vuole; prima di andare a morire McGuire ha pranzato con roast beef, pollo fritto, un bagel con crema di formaggio e cipolla, insalata di patate, patatine fritte con cipolla, un gelato al burro di noci pecan e una Coca.

link

Morirono così


5 commenti :

  1. Curiosità... dove trovate tutte le info sullo special meal? Voi siete peggio delle pompe funebri mafiose della mia città, che si trovano già sul posto prima ancora che muoia l'individuo!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. È molto più semplice di quello che si può credere, quasi tutti gli articoli riportano i dettagli dell'ultimo pasto.

      Elimina
    2. A cominciare dal Vangelo

      Elimina
  2. Quanto ben di dio sprecato per un pazzo condannato a strozzarsi nel suo vomito... siete i migliori (ambradit)

    RispondiElimina
  3. Perbenisti del cazzo. Quindici minuti sono fin troppo pochi.

    (Certo che anche la vittima furbissimissima, eh)

    RispondiElimina