domenica 29 dicembre 2013

José Ortiz (1932-2013)

VALENCIA, REGNO DI SPAGNA - Avevamo già parlato di Ortiz quando ci è toccato salutare il suo vecchio amico e incredibile autore Antonio Segura. Se quest'ultimo era l'autore delle storie più dure e violente di Tex Willer, il suo lavoro sarebbe stato solo parziale se non ci fosse stato il tratto deciso dello spagnolo José Ortiz.

Con un passato nei fumetti horror, tra cui ricordiamo Vampirella per il suo modo casto di vestire, era finito alla Bonelli dopo che Sergio Bonelli gli aveva fatto una corte di anni.

Ecco quindi apparire il suo tratto sul Magico Vento di Manfredi, su Ken Parker e anche in Dylan Dog. Inutile però ribadire che l'Olimpo del fumetto l'ha raggiunto in quei Maxi Tex in cui Aquila della Notte si liberava del buonismo, che come la polvere si era stratificato sulla sua camicia gialla in anni di compromessi editoriali, e affrontava il più selvaggio dei West mostrandosi davvero come il più cazzuto tra i ranger.

link

Morirono così


3 commenti :

  1. Insegna agli angeli come spalare carbone per Belzebú!

    RispondiElimina
  2. Addio, vecchio cammello.

    RispondiElimina
  3. Cazzo, mi dispiace molto, l'ho scoperto solo adesso.
    Come avete giustamente fatto notare,
    i loro MaxiTex spaccavano i culi e sono tranquillamente raggruppabili tra le migliori storie di Tex
    (o quantomeno tra quelle che si ri/leggono più volentieri)

    Il link al disegno di Vampirella era morto,
    ma ho trovato quello giusto
    http://www.comicartfans.com/Images/Category_61/subcat_2104/ORIGINALS00104.jpg

    RispondiElimina