martedì 3 settembre 2013

Tommy Morrison (1969-2013)

OMAHA, NEBRASKA, USA - È morto (questo per rispondere alla domanda della copertina in foto). Già, il campione dei pesi massimi Tommy Morrison, soprannominato "The Duke" per la sua parentela con Marion "Duke" Morrison, non è più. Era piuttosto forte: su 52 incontri ufficiali ne ha persi soltanto tre (prese mazzate solo da Lennox Lewis, Ray Mercer e Michael Bentt, ma batté un anzianotto Foreman). Ah, l'avete visto Rocky V? No? Beh, come biasimarvi, io ce l'ho presente solo perché all'epoca mia zia mi regalò la videocassetta. In quel film Morrison era il giovane pugile che un Rocky Balboa ormai alla frutta allenava per diventare campione (più o meno la storia di Bomber), finendo poi per farci dello street fight.

In seguito a questo memorabile ruolo, interpretò quello del malato di AIDS: scoperta la malattia, nel 1996 si ritirò per sempre, salvo poi tornare undici anni dopo asserendo di essere guarito, poi di non averlo mai avuto e così via. Tornò addirittura sul ring, affrontando nel 2007 in un match (farlocco) John Castle. Nel frattempo (oltre a diventare così) ha passato il tempo collezionando condanne: prima finì in carcere per aver picchiato da ubriaco un povero studente universitario reo di averlo, a suo dire, guardando storto; poi lo beccarono svariate volte alla guida imbottito di alcol e/o di droga e/o armi da fuoco, etc. In totale scontò ben due anni di permanenza nelle patri galere, come ogni buon americano che si rispetti.

link

Morirono così


1 commento :

  1. In galera venne ripetutamente sodomizzato da bestie molto piu' grosse e cattive di lui, per le quali la parola "precauzione" non rivestiva nessun significato, ed e' cosi' che si prese la malattia che lo porta su queste pagine.

    RispondiElimina