mercoledì 18 settembre 2013

Stephen Crohn (1947-2013)

MALDEN, NEW YORK, USA - Dopo aver accumulato anni di sensi di colpa del sopravvissuto, ha infine deciso di farla finita Stephen Crohn, pittore americano noto come "l'uomo che non poteva contrarre l'AIDS". Dopo il trapasso del suo fidanzato negli anni '80 scoprì di essere immune al virus, e dopo che tutti i suoi amici fru fru morirono come mosche si offrì volontario per partecipare alle ricerche contro l'allora misteriosa malattia. Più volte si fece inculare inoculare il virus, ma niente, non attaccava, così i medici scoprirono ch'egli aveva un rarissimo difetto genetico che impediva il contagio, pensa te che culo.

Come il nome suggerisce, manco a farla apposta Crohn era il bis-nipote di Burrill Bernard Crohn (Burrill?), lo scienziato che diede il nome a un'altra malattia autoimmune figlia di puttana, la Malattia di Crohn.

link

Morirono così


8 commenti :

  1. Non e' possibile contrarre AIDS, e' gia' un acronimo.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ci ho messo 5 secondi. Ma ti stimo.

      Elimina
    2. Per pochi. Complimenti.

      Elimina
  2. infatti non si capisce se era immune all'HIV o se ce l'aveva ma non gli faceva una ceppa

    RispondiElimina
  3. xD
    si è Suicidato x mancanza di Attenzione! xD

    che Sfiga! xD

    RispondiElimina
  4. cristomio-mangiomio18 settembre 2013 20:37

    Commento sentito davvero: "Nooooo!!!!!!!Ma cacchio, ma perchè si è suicidato?!? non si rendeva conto di quanto era utile?!?Non doveva farlo!!!!!"...perciò...VERGOGNIA!!!! NON TI DOVEVI SUICIDARE!!!

    RispondiElimina
  5. Si e' suicidato , perche' con un tale sistema immunitario ,al pensiero di campare fino a 130 anni ....

    RispondiElimina
  6. Questo qui il difetto genetico ce l' aveva nella testa.

    RispondiElimina