mercoledì 24 aprile 2013

Rickey Lynn Lewis (1963-2013)

NOW THE BOYS AND GIRLS ARE NOT ALONE NOW THE HUNTSVILLE'S HIT USA - Beh, veniamo al nostro angolo del condannato, ch'è un po' che non ne capita uno. Quest'oggi vi raccontiamo la storia di Rickey Lynn Lewis, da poco ucciso dallo Stato del Texas.

Papà Castoro, raccontaci una storia!
Certo ragazzi. Oggi vi racconterò la storia di Rickey Lynn Lewis: nel 1990 entrò nell'appartamento di Connie Hilton e, nell'ordine, le ammazzò il marito con un colpo di fucile in faccia, la violentò per un'ora, le ammazzò il cane, le svaligiò casa e poi scappò con il di lei furgone; fu acchiappato appena tre giorni dopo e condannato da una giuria di suoi pari alla pena capitale, che tra rinvii, appelli alla clemenza, e richieste d'infermità mentale è stata procrastinata per vent'anni. Fino ad oggi (cioè il 9 aprile scorso).

Le parole sono importanti
Prima di essere calciato via dall'esistenza, Lewis ha tenuto a precisare, trattenendo a stento le lacrime, che
I thank the Lord for the man I am today. I have done all I can to better myself, to learn to read and write.
e poi
Take me to my king.
Dal tuo re? E chi sarebbe? Intendi lui? Elvis? Ash Williams (a modo suo, lo è)? Bah, sicuramente si tratterà del ben più banale Cristo Re. Poi, rivolto alla sua vittima, ora 63enne, che era presente all'esecuzione:
If I hadn't raped you, you wouldn't have lived. I didn't kill Mr. Newman and I didn't rob your house. I was just there... I’m sorry for what you've gone through. It wasn't me that harmed and stole all of your stuff. It's burning my arm. I feel it in my throat. I'm getting dizzy.
Ah, ma era uno stupro a fin di bene, non avevamo capito, questo cambia tutto! Presto secondini, slegatelo! Vai Rickey, puoi andare, sei libero! Rickey? Rickey?...

Mangia o sarai mangiato
Texas. Come ormai dovreste sapere a memoria, in questo Stato di bifolchi nazisti spilorci senza cuore i condannati non hanno diritto a un pranzo speciale, così Lewis s'è dovuto accontentare del menu del giorno: bistecca con peperoni, purè, carote lesse, fagioli e da bere punch, tè, latte e acqua.

link

Morirono così


14 commenti :

  1. Tutto questo orrore per una sola ora damour!almeno treore dovevi

    RispondiElimina
  2. Nessuno tocchi cachino ,toccate solo abele

    RispondiElimina
  3. Ci voleva di piu' della morte per questo pezzo di negrone

    RispondiElimina
  4. E magari, prima di ammazzarlo, il cane se lo e' pure scopato...

    RispondiElimina
  5. Il cane al negro intendi, vero?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. No, il negro al cane...l' anacoluto era inevitabile, per lasciare alla frase l' effetto voluto....

      Elimina
    2. Adesso che lo hanno ammazzato, magari qualcuno se lo scopa lui (il negro, non il cane)...Anacoluto 2 la Vendetta.

      Elimina
  6. Quante volte in carcere avra' pensato alla bianca trapanata.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. o al cane trapanato....

      Elimina
    2. Scusate, ma il negro e il cane hanno avuto un rapporto sessuale completo e consenziente, oppure il negro ha costretto il povero rottweiler e si è solo fatto fa na pompa.

      Elimina
    3. No, lo hanno detto, l'anocoluto è stato inevitabile perché il cane era un maschio.

      Elimina
  7. Questi religiosi, non si smentiscono mai!

    RispondiElimina
  8. Ma gli occhi glieli hanno disegnati?

    RispondiElimina
  9. Che bel necrologio, e che bei commenti......cari vecchi tempi in cui iniziai a seguire il sito....

    RispondiElimina