lunedì 8 aprile 2013

Margaret Thatcher (1925-2013)

LONDRA, INGHILTERRA, REGNO UNITO DI GRAN BRETAGNA E IRLANDA DEL NORD - Polvere alla polvere, ruggine alla ruggine, salutiamo per sempre la Signora di Ferro che per tanti anni ha guidato la nazione di Elisabetta facendosi odiare da tantissima gente.

La odiavano i minatori inglesi, che contro la chiusura delle miniere e contro una legge che limitiva la legalità degli scioperi voluta da Maggie incrociarono le braccia per un anno intero ottenendo solo di essere caricati di mazzate in più occasioni.

La odiavano gli omosessuali, contro la cui "promozione" varò l'articolo di legge numero 28, facendo andare su tutte le furie Boy George.

La odiavano gli irlandesi dell'IRA, che cercarono di essere riconosciuti come prigionieri politici dandosi allo sciopero delle coperte prima (rifiutarono di indossare la divisa carceraria), lo sciopero dello sporco subito dopo (smisero di andare in bagno per evitare di essere picchiati dai poliziotti lungo il percorso, decorando le proprie celle con escrementi e piscio) e alla fine lo sciopero della fame. La Thatcher non fece una piega e lasciò che morissero.

La odiavano gli argentini, che invasero le Isole Falkland. Maggie non ci pensò un attimo e se le riprese grazie a una task force e a patti segreti con l'amichetto di GP2.

La odiavano i terroristi arabi, che occuparono l'ambasciata Iraniana per ottenere la libertà di prigionieri detenuti lì giù in Persia. Ottennero solo di essere uccisi dalle teste di cuoio mandate personalmente da sua ferrosità.

La odiavano i bambini tra i 7 e gli 11 anni, che si videro tolta la distribuzione gratuita del latte da quella che fu definita "Margaret la ruba-latte".

La odiavano i russi, che la definirono "signora di ferro" dopo l'ennesimo attacco nei loro confronti.

La odiavano i sandinisti, che in Nicaragua uccisero il dittatore Anastasio Somoza Debayle. Anche Maggie li odiava e cercò di vietare proprio l'utilizzo del termine "sandinista" nelle istituzioni. Anche i Clash si unirono a questo gioioso clima di odio realizzando l'album dal titolo Sandinista.

La odiavano i segregazionisti Sudafricani, che non vedevano di buon occhio il suo impegnarsi nella politica internazionale a favore della parità razziale.

La odiavano gli hooligans, che dopo la strage dell'Heysel (stadio che crolla, juventini morti, 600 feriti), videro la polizia alle loro calcagna in ogni dove.

La odiavano i molti inglesi che si erano visti imporre la poll tax, una tassa non legata al reddito uguale per tutti che portò 18 milioni di persone allo sciopero fiscale. Maggie se ne fregò, come sempre, degli scioperi, ma questa volta i suoi compagni di partito non la presero bene e lei non fu rieletta per la quarta volta.

La odiavano i reali, il Principe Filippo la chiamava "la figlia del droghiere" e la Regina Elisabetta una volta disse "la detesto cordialmente".

La odiavano tanti cantanti come Renaud Séchan o il sempre sottile Morrissey che cantava Margaret on the Guillotine; la odiava Eddie degli Iron Maiden, che sulla copertina di copertina di Sanctuary l'ammazza. Ovviamente tra i musicisti vincono la palma d'oro di più grandi nemici della Thatcher i Crass, seminale gruppo punk inglese che le dedicarono Gotcha!, in cui ne criticavano la politica bellica, e la copertina del singolo You're already dead; in seguito fecero un mixtape composto da estratti da discorsi pubblici della Thatcher e di Reagan che simulava un dialogo telefonico tra i due leader, nel quale Maggie sembrava ammettere di aver ordinato l'affondamento della nave inglese HMS Sheffield D80 per far salire il livello dello scontro durante la guerra delle Falkland, causando il cosiddetto Thatchergate (ho appena scoperto, e devo per forza comunicarvelo, che i soldati della Sheffield, che fu ovviamente affondata dagli argentini, durante l'attesa dei soccorsi intonarono Always Look on the Bright Side of Life). Per ribadire il concetto le dedicarono anche questa delicata canzone.

La Thatcher ha chiaramente pervaso poi tutta la produzione Inglese dagli anni '80 in poi, dai film di Ken Loach all'Hellblazer di Delano, ma sarebbe troppa però la roba da elencare e lo sciopero dello sporco, iniziato nella mia camera da oltre un mese contro mia madre che non vuole che torni a casa dopo la mezzanotte, mi sta dando alla nausea.

link

Morirono così


42 commenti :

  1. Gavrilo Princip8 aprile 2013 20:32

    Per saperne di più su quanti danni la Thatcher ha fatto in Inghilterra senza volervi rompere il cazzo con un libro di storia leggete "La famiglia Winshaw" di Jonathan Coe. Fa ridere e ne vale davvero la pena.
    Ah, dimenticavo! GODO che tu sia morta vecchia stronza.

    RispondiElimina
  2. Ci vorrebbe in italia.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Si però circoscritta a casa tua.

      Elimina
    2. Da noi ci sono solo dilettanti allo sbaraglio che ne tentano una pietosa imitazione (Fornero su tutte.......)

      Elimina
    3. si, in Italia, a Piazzale Loreto, dondolante come un salame. Si come un salame, come te, caro Anonimo dell' 8 aprile alle ore 20.35

      Uolter

      Elimina
  3. Il mondo è un posto migliore senza di lei. Se esiste un inferno, invece, è sensibilmente peggiorato dal suo arrivo.

    RispondiElimina
  4. Ma viva Maggie, campionessa del fottesega e GILF da competizione: fece quel che doveva per il proprio Paese, e i governi successivi hanno attinto a piene mani dai risultati delle politiche thatcheriane. Poi vabé, era una strega.

    RispondiElimina
  5. Ma quando muore una Lady di Ferro
    la cremano o la cromano?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Questa è notevole. Bravo!

      Elimina
  6. LEOPOLDO GALTIERI8 aprile 2013 23:05

    Maggie !!! Finalmente !!!

    RispondiElimina
  7. Sempre troppo tardi!

    RispondiElimina
  8. Semplicemente uno dei più bei necrologi scritti in questo sito. Sua Ferrosità mi ha fatto pisciare addosso...!

    RispondiElimina
  9. le uova alla fine si sono vendicate!

    RispondiElimina
  10. Una stronza in meno

    RispondiElimina
  11. Necrologio bellissimo, quasi perfetto, mancava solo questa: http://www.youtube.com/watch?v=tMrn2sTFBtc&feature=share

    RispondiElimina
  12. soffriva da anni di demenza senile...adoravo la sua cazzimma!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Si si' da quando era nata ne soffriva peggioramento avvenne dopo la morte del suo cane.

      Elimina
  13. Risposte
    1. Alè, tutti a sbucciar cipolle......(onion's off corse !!!!)

      Elimina
  14. Ottimo pezzo, è vero.
    Manca 'The Day That Thatcher Dies" degli Hefner, che sembrava profetico ma purtroppo non l'ha aiutata a tirare prima le cuoia, visto che è di tredici anni fa.

    RispondiElimina
  15. Morta del mese senza se e senza ma.

    RispondiElimina
  16. Lady di ferro, in bara di legno e zinco. Bene! Peccato non sia morta ghigliottinata come si auspicava Morrissey.
    E pensare che un giornalista snob e leccaculi ha appena scritto il libro "ci vorrebbe una Tatcher in Italia" ma vafffff

    RispondiElimina
  17. Nell'unirmi ai festeggiamenti per la morte della Thatcher, arricchisco la sezione "Punk Against Maggie" con l'album Let's Start A War... Said Maggie One Day dei leggendari The Exploited, che, pur privi del rigore metodologico e dell'impeccabile anarchismo dei Crass, furono comunque molto chiari con l'omonimo singolo. «Cominciamo una guerra / Disse Maggie un giorno / Combatti per il tuo Paese / Muori per il loro profitto».

    RispondiElimina
  18. Su ogni questione diplomatica ci andava coi piedi di piombo questa lady ferruginosa

    RispondiElimina
  19. CCCCivostra nobilta' senzaave' mai lavora' vefarria nculo come na zampogna in miniera brutti struonxui

    RispondiElimina
  20. Io la amavo!!!! Una specie di craxi ma senza la cleptomania!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Solo la morte li rese diversi: Maggie, rincoglionita dall'Alzhaimer (ma a casa sua), l'altro, divorato dal diabete (vigliaccamente, fuori dal suo paese). Ah, che tristi destini........

      Elimina
  21. Di ferro? Non credo proprio. Se non verrà cremata, sarà un ottimo cibo per vermi (ecco, a loro il ferro farà bene.....). In ogni caso, è già da Satana ed insieme ai vari Stalin, Hitler, Mussolini, Mao, Pol Pot, Franco, Pinochet, Reagan, Tito, Ciausescu, Saddam, Gheddafi ecc.ecc. (la lista è infinita), sta prendendo forcate nelle chiappe mentre sta rosolando a fuoco lento nelle fiamme perenni. Giulio, preparati......ti stanno aspettando tutti laggiù. Potenti di questa terra, ricordatevi: in vita potrete fare le più grosse porcherie e delitti contro l'intera umanità, ma prima o poi lì ci finite tutti !!!!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Su Giulio non ci scommetterei. Secondo me è capace di accordarsi pure con Satana.

      Elimina
    2. All' inferno ci sono le donne nude, e con i diavoli ci si puo' mettere d' accordo.

      Elimina
  22. Se non fosse mai esistita, oggi avremmo un mondo migliore.

    RispondiElimina
  23. Ding Dong! The Witch is dead. Which old Witch? The Wicked Witch!

    RispondiElimina
  24. Vedo e prevedo Andreotti schiattera' entro la prossima settimana

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ed i demoni intoneranno insieme: "Il gobbetto, dove lo metto, dove lo metto, non si sa, ma di posto c'è ne tanto, c'è ne tanto nell'aldilà !!!!!!! (musica di Mimmo Modugno)"......in mezzo alle fiamme, spero!!!!!!

      Elimina
    2. hai toppato di brutto. Ma abbiamo apprezzato il tentativo.

      Elimina
  25. Mitica Maggie, ci mancherai!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Si,come un dito nel culo.

      Elimina
  26. è schiattato anche andreotti!2 stronzi di meno!

    RispondiElimina
  27. è schiattato anche videla!tiè!!!!!3 mostri all'inferno!

    RispondiElimina
  28. L'unica cagna che disonora la sua specie quando viene menzionata come tale. Che le fiamme dell'inferno ti procurino un dolore insopportabile per l'eternità, infamia per fortuna morta, ma per troppo tempo tra i vivi dal primo giorno della tua esistenza. Che ogni secondo della tua eternitò sia come ciò che intercorre da quando accendono la pira a quando la morte solleva spirito e corpo da tale supplizio. Per l'eternità infame zoccola tu possa soffrire l'indicibile. Amen. Scusatemi per la magnanimità...

    RispondiElimina