sabato 23 marzo 2013

Wan Joon Kim (1933-2013)

COMPTON, WEST COAST - Muore oggi la più importante figura del gangsta rap. No, non parliamo né di Ice-T, né di Ice Cube, né di Dr. Dre e nemmeno di Easy-Muthafuckin'-E, bensì di Wan Joon Kim. Negli anni '80, l'allora cinquantenne Wan Joon Kim aveva una bancarella con la quale, per riuscire a campare, cominciò a vendere quei dischi farciti di parolacce che i giovani desideravano tanto ascoltare ma che nessuno voleva vendere. Fu, insomma, il primo ad intravedere il potenziale commerciale di quei negri cattivi cattivi cattivi che oggi, a distanza di trent'anni sono solo riusciti a riempirsi di gioielli. Molti esponenti del genere gli portavano di persona i loro lavori (lavori... non esageriamo!) da smerciare. La cosa interessante è che Wan Joon Kim non parlava inglese. Forse, se avesse capito i testi, si sarebbe rifiutato anche lui di vendere quelle oscenità ed il mondo ora sarebbe un posto un pochettino migliore... beh, per lo meno, sarebbe un posto non così pieno di negri senz'anima che si atteggiano inneggiando alla razza negroide per poi vivere come fossero bianchi.

link

Morirono così


6 commenti :

  1. E scoparsi le bianche.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. E diventare presidenti...

      Elimina
    2. E sticazzi.

      Elimina
  2. negri senz'anima è una citazione da "donne amazzoni sulla luna" vero? Siete i meglio!

    RispondiElimina
  3. Ammetto che la deriva del gangsta rap è attualmente una merda, ma straight outta compton è un gran disco.

    RispondiElimina