venerdì 12 ottobre 2012

Carla Porta Musa (1902-2012)

COMO, ITALIA - Oltre ad essere una frase composta da soggetto, predicato verbale e complemento oggetto, Carla Porta Musa era anche una scrittrice nata a Como e ivi morta.

In questi giorni attendeva il riconoscimento della sua supervecchiezza dal gruppo di ricerca gerontologica, che però non è arrivato in tempo. Ad ogni modo ormai noi andiamo sulla fiducia, 110 anni non si negano a nessuno e speriamo neanche una ninfea.
La morte è mia compagna, dal momento in cui apro gli occhi a quando vado a letto la sera, però in un modo molto sereno. Penso sia una cosa bella anche la morte. So di essere forse un’illusa, ma è quello che sento. Poi, non lascerò molto, ma certamente qualcosa. Mi sembra di aver sempre cercato di dare. A Como (Per quando me ne sarò andata) Se volete ricordare il mio lungo appassionante amore per la città dove mi vanto d’esser nata non fatelo intestando strade stradine o vicoli reconditi su lapidi che il tempo scolorisce ma fatelo dedicando al mio bel nome (non per mia scelta, ma che mi fu donato) nella vasta piazza prospiciente il lago un’immensa ninfea dai giochi d’acqua perennemente festosi e palpitanti
link

Morirono così


5 commenti :

  1. Anch'io, visto che sono modesto quando muoio dedicatemi una via.

    RispondiElimina
  2. ...in effetti, c' avrai anche 1,1 secoli di vecchiezza, ma vaffanculo comunque a dire quale posto vuoi che porti il tuo nome ...

    RispondiElimina
  3. Già, più invecchiano più fanno gli sbroffoni... aaah, vecchiaia bruciata!

    RispondiElimina
  4. Ahahhahahhahahah Vecchia Pazza!!

    RispondiElimina