lunedì 23 luglio 2012

Romano Battaglia (1933-2012)

MARINA DI PIETRASANTA, VERSILIA -
Taci. Su le soglie
del bosco non odo
parole che dici
umane; ma odo
parole più nuove
che parlano gocciole e foglie
lontane.
Nel pineto in cui visse Gabriele D'Annunzio, ogni anno fanno un festival chiamato "La Versiliana". Non sappiamo di cosa tratti (e men che meno ce ne sbatte qualcosa), ma il curatore del festival era proprio Romano Battaglia: scrittore, giornalista ed elegantone.

Ora, per fare un piccolo favore all'umanità, cerchiamo di dare risposta ad una domanda a cui il Battaglia non seppe, in vita, rispondere:
È il tempo che passa o è la gente a passare quando non ha saputo trattenere qualcosa di buono nel cuore?
E' il tempo che passa.

link

Morirono così


3 commenti :

  1. Dopo un inizio in veste di attore, negli anni '60 divenne corrispondente per la RAI, anche conducendo rotocalchi televisivi e rubriche di approfondimento del TG1 come Tv7, Cronache italiane, Tg l'una, A Nord a Sud e Bell'Italia. Autore di diverse opere letterarie, romanzi, libri per ragazzi e raccolte di poesie, ha ricevuto diversi premi quali il premio Bancarella, il premio WWF Posidone, il premio Cypraea e il premio Levanto.

    Al suo nome è legata la grande manifestazione culturale "La Versiliana"[1] che si svolge nella pineta dove visse Gabriele d'Annunzio.

    Negli ultimi anni di attività ha scritto per Il Giorno e per La Nazione.

    RIPOSA IN PACE

    RispondiElimina