sabato 21 luglio 2012

Luigi Fortunato Marsetti (1944-2012)

ASIAGO, VENETO - Che fine sfortunata per Luigi Fortunato Marsetti, conosciuto ai più come il conte Marsetti, pittoresco personaggio del vicentino, noto per il suo abbigliamento stravagante (con tanto di nastri, foulard e fiori colorati), i suoi baciamano e le pretese di cenare senza pagare (non s'è mai visto un conte che paga il conto).

Che fine sforunata, dicevamo: si trovava ad Asiago per una gita fuori porta quando, addentato il pranzo, rimane soffocato da un boccone, cade, batte la testa e schiatta. L'Italia perde oggi un grande uomo, un coacervo di galanteria, esibizionismo, classe ed ubriachezza come pochi ce ne sono. Buon viaggio, conte, e speriamo che lì dove ti trovi adesso riuscirai ad avverare il tuo sogno di diventare uno psichiatra.

link

Morirono così


6 commenti :

  1. Essendo vicentino, non posso che dedicargli il canto popolare più diffuso:

    "I vicentini, sono dei gran bevitori
    bevono in casa, bevono fuori,
    e a tutti quanti, noi daremo del vin
    e anche stasera, torneremo insacchettà!"

    e adesso vado in birreria.

    RispondiElimina
  2. Alla fine il conto l'ha pagato...

    RispondiElimina
  3. un saluto al conte con alcuni suoi tormentoni...
    Salutate il conte Marsetti, Lavorare per produrre, lavorare per il padrone...
    addio

    RispondiElimina
  4. Conte Marsetti
    Sono il signore di tutte le donne

    http://www.facebook.com/pages/Conte-Marsetti/91339147496

    RispondiElimina
  5. Un saluto al Conte e un augurio di compiere l'ultima traversata in grande stile.

    RispondiElimina
  6. grande conte vai a magna' in paradiso e quando viene il padrone a chiedere il conto digli "Ma vaffanculo PIRLA" e allora lui mandera' il figlio e tu rimandalo affanculo e allora lui mandera' la mamma e tu allora fatte la bella ingroppata.

    RispondiElimina