giovedì 7 giugno 2012

Richard Dawson (1932-2012)

LOS ANGELES, CALIFORNIA, USA -
Purtroppo, signore e signori, questo è... semplicemente orribile. Le parole non possono esprimere quello che sentiamo tutti, i nostri sentimenti in questo momento. Un grande campione è caduto. Torneremo subito dopo questi importanti messaggi commerciali.
Non è più fra noi Richard Dawson, presentatore TV molto noto negli USA per essere stato il conduttore di quiz popolari come The Family Feud.

Ma sono certo altri i motivi per cui lo ricorderemo per sempre: Dawson è stato infatti il principale antagonista nel film The Running Man (terribilmente tradotto con L'implacabile), superbo action-movie anni '80 diretto da Paul Michael Glaser (nientemeno) e tratto molto liberamente da un romanzo di Richard Bachman (alias Stephen King). Ambientato in un futuro distopico, la trama ruota intorno a un popolarissimo gioco televisivo, The Running Man appunto, dove i concorrenti (già condannati a morte) sono costretti a fuggire inseguiti dai cosiddetti "sterminatori" (i mitici Sotto Zero, Buzzsaw, Fireball, Dynamo e Capitan Freedom), che una volta raggiunte le proprie inermi prede hanno solitamente la meglio (inutile dire che Schwarzy, vestito con una ridicola tutina gialla dell'Adidas, li fa fuori uno a uno). Conduttore dello show è il mefistofelico Damon Killian, interpretato proprio da Richard Dawson in una riuscitissima parodia di sé stesso.
Chi amate voi? E chi è che vi ama?
Damon! Se appartenete a quella categoria di fighetti che storcono il naso davanti a tutto ciò che non è Truffaut o Petri (a proposito, sul tema futuro-gioco-morte guardatevi La decima vittima) di certo non capirete il motivo di tanto entusiasmo nel celebrare questo personaggio, ma per me il motivo è ovvio: Damon Killian non è solo il cattivo di un film, è uno dei più fantastici cattivi dei film del genere, cinico, ipocrita, malvagio e subdolo, più carismatico di Hans Gruber, Clarence Boddicker e Milo messi insieme.
Questa è televisione, non ha nulla a che fare con le persone, ha a che fare solo con l'audience! Per 50 anni abbiamo detto loro cosa mangiare, cosa bere, cosa indossare... per Dio Ben, non capisci? Gli americani amano la televisione, ci crescono i bambini davanti; ascolta, loro amano gli show, il wrestling, amano gli sport e la violenza. Perciò noi che dobbiamo fare? Gli diamo quello che vogliono! Noi siamo i numeri uno, Ben, questo è quello che conta, credimi, sono nella televisione da trent'anni!
link

Morirono così


3 commenti :

  1. La sua morte in quel film era quasi liberatoria, catartica...
    A far funzionare 'L'Implacabile', oltre agli sterminatori godibilissimi (ah "Dynamooooo") e a uno Schwarzy con la battuta particolarmente pronta, era proprio questo suo terrificante personaggio così anni ottanta anche in un ipotetico futuro.

    RispondiElimina
  2. Tornerà.....ma solo in replay.

    RispondiElimina
  3. Ha anche recitato negli "Eroi di Hogan" ed aveva sposato Diana Dors!

    RispondiElimina