martedì 15 maggio 2012

Navarre (2007-2012)

NEI PRESSI DEL MONTE ADONE, EMILIA-ROMAGNA - Lo avete riconosciuto tutti questo bel musetto assiderato: era gennaio e Navarre veniva ritrovato, tutto bello impallinato ed in principio di assiderazione, nelle acque gelate del Limentra da un gruppo di volontari che l'aiutarono a rimettersi in sesto.

Dopo qualche mese di miglioramento, oggi Navarre stende le zampe. Le vie del signore, si sa, sono misteriose... ma noi siamo sempre sul pezzo, perciò ecco a voi:

VOGLIO NAVARRE!
(tragedia in due atti di Cristo-Dio)

Personaggi:

Gesù (il bambino)
Dio (il papà)
Zio (lo zio)
Navarre (il lupo)

ATTO I

(Nel suo zoo, Gesù gioca beato con Prince Harry. Arriva Dio, annunciato da fulmini e saette.)

Dio: Che fai, figliolo?

Gesù: Mah, niente di che. Giochicchiavo con l'ultimo amichetto che mi hai regalato, però pensavo... da quant'è che non mi regali un bel lupacchiotto?

Dio: Mmmm... fammici pensare... credo che siano più o meno un paio d'anni. Sì, esattamente dal 3 giugno del 2010.

Gesù: Sai, c'è un lupo carino di cui ho letto qualche tempo fa su Repubblica, mi piacerebbe un frego passare un po' di tempo con lui.

Dio: Ti capisco, figliolo. Anche la tizia che l'ha salvato se l'è spupazzato ben bene...

Zio: Eh sì, gli ha ficcato due metri di lingua in gola!

Dio: ... ma non mi sembrerebbe giusto prenderlo ora, cioè... dopo che ha dimostrato d'avere una gran voglia di vivere, sarebbe un po' da stronzi...

Gesù: Ma io lo voglio! Uffi! E' così carino e pacioccoso. Lo voglio, lo voglio, lo voglio!

Dio: Ma, figliolo...

Gesù: Però... fai sempre così, tu. Prima mi dici che sono il tuo preferito e poi? Nemmeno un lupacchiotto, mi regali! Non è giusto, ecco!

Zio: E dai, cazzo! Pigliagli 'sta bestia di merda, che 'sto bimbominchia qua m'ha già sfracassato i coglioni.

Dio
: E sia.

ATTO II

(Dio scende sulla terra in cerca di Navarre, dopo un po' lo scorge.)

Dio: Eccoti qua.

(Navarre ringhia.)

Dio: Navarre, so che tu vorresti stare un altro po' qui ma quel rompiscatole di mio figlio ti vuole tutto per sé. Vieni.

(Navarre muore di colpo, preso da atroci spasmi. Nel momento esatto del trapasso, i muscoli si rilassano e si caca addosso. Dio lo raccoglie e lo riporta in paradiso, dove si risveglia.)

Dio: Figliolo, ecco Navarre. Ho fatto presto, nevvero?

Gesù: Ma puzza da far schifo! Mi viene da vomitare, Cristo! Navarre, va' a lavarti, per Dio!

(Navarre si avvicina al fiume Limentra, si sentono dei colpi di pistola e cade nel fiume dove resta bloccato ed inizia a congelarsi. Proprio quando si pensa che non ci sia più niente da fare, arriva un gruppo di guardie forestali. Dio sorride ed esce di scena.)

SIPARIO
link

Morirono così


9 commenti :

  1. Altroché Ionesco...

    RispondiElimina
  2. Comunque, giusto per fare il cagacazzo, il torrente è il LimeNtra. Ed è un posto molto bello.

    RispondiElimina
  3. ragazzi muore un coglione umano e non provo nè pena nè pietà. Muore un lupo e piango! Misteri della mente umana. La misantropia e l'empatia nella stessa persona. RIP Navarre. Speravo che tu vivessi! E che avresti conficcato trentadue denti nelle gambe di chi ha conciato in quel modo solo per banale , ordinaria , idiota e umana crudeltà. Scusami a nome dei miei , ahimè , consimili.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. contro-lamentatore17 maggio 2012 18:59

      e "Vergognia!" non ce lo metti?

      Elimina
    2. Perche' sei uno stronzone.Non trattasi di mistero della mente.

      Elimina
  4. cos'è, in medley fra questo e questo?

    RispondiElimina
  5. NOOOOO !!!! Rutger !!! E il falco, dov'e' il falco ?

    RispondiElimina
  6. Un mangiapecore a tradimento di meno.

    RispondiElimina