sabato 28 aprile 2012

Maria Giovanna Giudice (1901-2012)

LUMELLOGNO, NOVARA, ITALIA - Eh sì, accadono cose incredibili: dopo i tizi che muoiono il giorno del proprio compleanno (anche quando sono nati il 29 febbraio), ecco la partigiana che muore il 25 aprile, 67 anni dopo la liberazione e 110 anni e 210 giorni dal giorno della sua nascita. Eh già, perché Maria Giovanna Giudice non sarà ricordata esclusivamente per il notevole conseguimento nel campo della supervecchiezza (era l'ottava italiana più vecchia del mondo, anche se la giuria del MotoGP Supervecchiezza deve ancora certificare la data di nascita), ma anche per essere la partigiana più vecchia del mondo: durante la Resistenza faceva la staffetta, portava messaggi, informazioni, cibo e quant'altro ai partigiani della 82ª Brigata Garibaldi "Osella" nascosti nei boschi intorno al suo paese, Cavaglio, nel novarese; per questo, con notevole tempismo, nel dicembre 2008 ha ricevuto dal Presidente Napolitano la medaglia di bronzo al merito civile. Speriamo la seppelliscano sotto l'ombra di un bel fior.

link

Morirono così


8 commenti :

  1. L'ottava italiana più vecchia del mondo...???

    RispondiElimina
  2. Una partigiana in meno!!!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Auguri di cancro, pezzo di merda!

      Elimina
  3. Notevole conseguimento nel campo... dell'eccellenza!
    Bellissima citazione!

    RispondiElimina
  4. I partigiani sono ottimo concime: o merdeeee!!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Auguri di cancro, stronzo nazista!

      Elimina
  5. Emma Morano mantiene la pole position, e con documentazione anagrafica a prova di Guinness dei Primati.

    RispondiElimina