mercoledì 14 marzo 2012

Stefano Breccia (1945-2012)

PIANETA TERRA CHIAMA SQUADRA G, SEGNALE DI PERICOLO, ALLARME! ALLARME! - E' purtroppo spirato Stefano Breccia, professore della facoltà d'ingegneria dell'Aquila ma soprattutto ufologo e autore dell'illuminante libro Contattismi di massa, dato alle stampe nel 2009. Secondo Breccia (la faccio breve che qua le stronzate si sprecano) diversi alieni avrebbero avuto contatti con gli umani intorno la città di Pescara fra gli anni '50 e '80, all'interno di un controverso progetto di cooperazione umano-aliena chiamato "Amicizia". Questi alieni, dei giganti alti tre metri con le espadrillos (la foto è "autentica" e proviene dal libro), sono chiamati W56, vivono da millenni sul nostro pianeta e avrebbero costruito un'enorme base extraterrestre sotto l'Adriatico che andrebbe da Ortona a Rimini. Ovviamente non potevano mancare i nemici dei W56, i perfidi CTR (!), che verso la fine degli anni '80 combatterono i pacifici W56 e distrussero tutte le loro basi, ponendo così fine alla loro presenza in Abruzzo e, quindi, sul pianeta Terra. Scusate un secondo, mi s'è fermato il cuore dalle risate... ok, ha ripreso a battere. Il libro riprende la testimonianza nel chetino Bruno Sammaciccia (ormai defunto, a suo dire avrebbe vissuto a stretto contatto con i W56 per ben 22 anni) e l'arricchisce con tantissime altre stronzate: ad esempio, Breccia sostiene di aver incontrato per caso nel 1967 un W56 nel Bar Zanarini di Bologna, ahahah, e con lui avrebbe avuto una delirante discussione che v'invito a leggere qui.

C'è una cosa che non capisco, perché proprio Pescara? Forse gli alieni avevano un debole per gli arrosticini e il centerbe? Tra le altre cose, pare che uno dei loro obiettivi fosse proprio confondersi fra gli umani e accoppiarsi con alcuni di loro, generando quindi una prole ibrida; se fosse vero (come no), almeno si spiegherebbero tante cose riguardo ai pescaresi.

Non paghi delle notizie apprese, ci siamo recati in quel di Ortona e abbiamo chiesto lumi a un abitante del luogo, che ci ha raccontato:

Sci sci, sicuro a Ortona ci sta una frega di aglieni... ngùle, la sera da lu castél si vede 'na frega de luci abball a lu port: mo, o è le puttane o gli aglieni. Una volta mentre lavoravo alla cambagna s'ho vist nu razz, m'ha penzeve ch'avev scoppiato lu trattor di Rocc. Ha fatt nu schiopp! Quando so' risalito, Rocc non gi steve e me so' penzato che se l'avevamo arrubbato gli aglieni, e i' so ndrate e me so arrubbate du pemmadore de Rocc, tand gli aglieni non se le mangiano le pemmadore, second me s'hann magnat Rocc.

Ringraziamo l'amico ortonese per il prezioso contributo. Ovviamente la stupefacente puttanata degli alieni pescaresi non poteva essere ignorata dal programma più cazzaro della storia della Rai: Voyager.

link

Morirono così


5 commenti :

  1. m'avete fatto morire dal ridere

    RispondiElimina
  2. Concordo in pieno con Alita, ma che cazzo centra il centerbe con lo sgorgante saratoga?Mah, misteri alieni...!

    RispondiElimina
  3. ops scusate il refuso!c'entra (non centra)

    RispondiElimina
  4. certo che l'università dell'aquila ha degli standard qualitativi elevatissimi eh...

    RispondiElimina
  5. Sti W56 avranno anche un enorme shwantstruck!!!

    RispondiElimina