domenica 26 febbraio 2012

Marie Colvin (1956-2012)

HOMS SWEET HOMS, SYRIA - Che vita da sfigata che ha vissuto Marie Colvin! No... non è come credete, non era una che si è presa la laurea dopo i 28 anni e nemmeno una che viveva con 500 euri al mese. Era una sfigata del tipo "vado a fare la corrispondente di guerra, tanto sono una giornalista, che mi può succedere?" Beh, dieci anni fa diventi orba (si spiega il suo travestimento da pirata) ed oggi ci lasci le penne. Ma procediamo con ordine: reporter del Sunday Times sin dal 1985, Marie Colvin è stata inviata in mille zone di guerra: Cecenia, Kosovo, Sierra Leone, Zimbabwe, Sri Lanka (che è dove le hanno sparato addosso con uno di questi cosi facendole perdere così l'occhio sinistro), Timor Est (dove si dice che abbia salvato 1500 donne e bambini da morte certa), Tunisia, Egitto, Libia ed infine Siria. Ed è proprio in Siria che muore, colpita in pieno da un colpo partito da un altro di questi cosi. Sfigata!

link

Morirono così


9 commenti :

  1. E' morta facendo quello che amava, quello in cui credeva. Ovvio che se l'è andata a cercare. Ma sfigata? direi di no. Sfigato è chi va a lavorare alla mattina e poi un boeing gli cade addosso.

    RispondiElimina
  2. Questa donna era seducente a dir poco, molto meno bella di Daryl Hannah in versione Elle Driver, ma infinitamente più charmant.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. L'ho paragonata ad un personaggio inventato, sto commentando troppo.

      Addio!

      Elimina
  3. che donna con le palle

    RispondiElimina
  4. Guarda che lo sfigato è quello che a scritto sto cazzo di necrologio no lei che è morta credendo in quello che faceva. Capito coglione.

    RispondiElimina
  5. Forse c'è stato un malinteso, non sono il difensore di nessuno, ma mi sa che l'autore stava scherzando, io ho capito così....
    Il fatto che abbia detto in quel modo, dimostra proprio, com'è nello stile assurdo, dissacrante e che va giù pesante di questo blog, che in realtà il personaggio è assolutamente ritenuto degno di stima, un po' come han fatto con Barney Rosset.
    D'altronde, solamente un imbecille potrebbe pensare che questa donna eccezionale, fosse una sfigata per davvero, e sti 4 malati mentali che scrivono sti necrologi di cacca, son tutto, tranne che degli imbecilli mi sembra.

    Ciao

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Credo anzi, abbia preso in giro proprio quelli che dicono: "Poteva farsi gli affari suoi! Ma stattene a casa tua! Chi si credeva d'essere! Doveva essere una grande stronza!"
      E tutti questi bei commenti, molto ponderati.

      Elimina
  6. Jena Plissken in versione femminile...

    RispondiElimina
  7. Sono riusciti a fare Nick Fury NEGRO...
    prima o poi lo faranno anche con la figa, e lei sara' lo stampino...massimo rispetto per una tipa che, per ammazzarla, hanno dovuto usare DUE missili anticarro.

    RispondiElimina