mercoledì 4 gennaio 2012

Ruth Anderson (1899-2011)

MARSHALL, MINNESOTA, USA - Visto che non muore nessuno di decente, recuperiamo un po' di morti del 2011: ci ha lasciato lo scorso dicembre la supervecchiaccia Ruth Anderson, da non confondere con l'omonima modella supertettona. Benché solo 34esima nella classifica mondiale dell'incartapecorimento, ella poteva vantare il record di gemella più vecchia del mondo, con tanto di riconoscimento del Guinness dei Primati. Pensate, il suo fratello gemello, Abel, morì quando aveva appena tredici mesi di vita, per cui c'ha pensato lei a vivere per entrambi. Ruth Anderson era appassionata di Scarabeo, giocava una volta a settimana e pare fosse fortissima (mah, probabilmente s'inventava le parole e la lasciavano vincere). Era anche fluente in svedese (oppure anche in questo caso s'inventava le parole e la gente pensava fosse svedese).

Il segreto della sua longevità? Nessuno in particolare, Ruth Anderson ha vissuto senza pensare al tempo che passava e si è ritrovata all'improvviso supervecchiaccia (tra l'altro, si è sposata per la prima volta a 60 anni).
You do things, you think about things, and then don't waste time fussing about things you can't change.
link

Morirono così


3 commenti :

  1. Deduco che quindi la data di nascita sia un refuso...

    RispondiElimina
  2. ammazza che sgnacchera la supertettona omonima...

    RispondiElimina