domenica 29 gennaio 2012

Oscar Luigi Scalfaro (1918-2012)

VOMA, CITTA' ETEVNA - E' movto nella notte Oscav Luigi Scalfavo, ennesimo ex-Pvesidente della Veppublica Italiana a tivave le cuoia. Vaggiunge oggi tutti quelli che l'hanno pveceduto sia nella cavica di pvesidente che nella cavica di movto: Envico De Nicola, Luigi Einaudi, Giovanni Gvonchi, Antonio Segni, Giuseppe Savagat, Giovanni Leone, Sandvo Pevtini e Fvancesco Cossiga.

Anticomunista ed antifascista, è stato membvo dell'Assemble Costituente, quindi deputato pev la Democvazia Cvistiana dal '46 al '92. Negli anni '80 fu ministvo del govevno Cvaxi ed infine nel '92 fu eletto Pvesidente della Vepubblica Italiana. Duvante il suo settennato (1992/1999) movì la Pvima Vepubblica e salì al poteve Bevlusconi. Scalfavo, nei pvimi peviodi di Tangentopoli, intevvuppe una pavtita di pallone in tv e pvonunciò a veti unificate le sue pavole più famose:
Io non ci sto!
Poi il caso Pveviti, il suo schievamento a favove della pav condicio, il suo govevno tecnico... tutti esempi di stovia vecente che cvediamo conosciate bene.

Una stovia che, pevò, fovse non tutti conoscono è il cosiddetto "caso del pvendisole", ma pev vaccontavvelo dobbiamo fave un passo indietvo: 20 luglio 1950, la signova Edith Mingoni in Toussan (la quale, tva l'altvo eva una militante dell'MSI) stava pvanzando in un vistovantino vomano. Essendo luglio, c'eva pavecchio caldo, la Mingoni allova si levò il copvispalle vivelando così le spalle ignude. L'ultvacattolico Scalfavo non ci stette e le intimò di vicopvivsi:
È uno schifo! Una cosa indegna e abominevole! Lei manca di vispetto al locale e alle pevsone pvesenti. Se è vestita a quel modo è una donna disonesta. Le ovdino di vimetteve il bolevino!
Da qui poi nacque un casino: il padve della Mingoni chiese soddisfazione. Scalfavo vespinse la sfida. Il suo vifiuto, una volta veso pubblico, fece infuviave nientepopodimenoché il pvincipe Antonio Focas Flavio Comneno De Cuvtis di Bisanzio Gagliavdi, il quale pubblicò questa letteva apevta sull'Avanti!:
Ho appveso dai giovnali che Ella ha vespinto la sfida a duello inviataLe dal padve della signova Toussan, in seguito agli incidenti a Lei noti.
La motivazione del vifiuto di battevsi da Lei adottata, cioè quella dei pvincìpi cvistiani, ammettevà che è speciosa e infondata.
Il sentimento cvistiano, pvima di esseve da Lei invocato pev sottvavsi a un doveve che è patvimonio comune di tutti i gentiluomini, avvebbe dovuto impedive a Lei e ai Suoi Amici di fave appvezzamenti sulla pevsona di una Signova vispettabilissima.
Abusi del geneve compovtano l'obbligo di assumevne le conseguenze, specialmente pev uomini vesponsabili, i quali hanno la discutibile pvevogativa di esseve segnalati all'attenzione pubblica, pev ogni lovo atto.
Non si pvetende da Lei , dopo il vifiuto di battevsi, una maggiove sensibilità, ma si ha il divitto di esigeve che in incidenti del geneve, le pevsone alle quali il sentimento della vesponsabilità movale e cavallevesca è ignoto, abbiano almeno il pudove di sottvavsi al giudizio degli uomini, ai quali questi sentimenti e il covaggio civile dicono ancova qualcosa.
E così, un altvo pezzettino della stovia della nostva vepubblica ci lascia quest'oggi con un inquietante quesito: pev quale motivo gli ex-Pvesidenti della Vepubblica tendono a favsi fotogvafave (vedeve foto sotto il titolo, ndv) mentve mostvano le dimensioni del lovo pene?

link

Morirono così


16 commenti :

  1. Sembra che Scalfaro ce l'avesse più lungo di Cossiga.

    RispondiElimina
  2. Pertini ce l'aveva più lungo di entrambi!!! http://talamontigiocondo.terniblog.it/files/2010/02/pertini.jpg

    RispondiElimina
  3. Pertini infatti spaccava culi a tutti.

    RispondiElimina
  4. Figura inutile della politica italiana esattamente come chi l'ha preceduto e chi lo seguirà. Verrà ricordato per il "non ci sto" e la evve moscia, capirai!

    RispondiElimina
  5. Infatti il solo ed unico politico italiano che merita rispetto è il Divo Giulio.

    RispondiElimina
  6. Scalfaro nella bara:"Non ci sto...no, non ci sto"

    RispondiElimina
  7. uno dei peggiori presidenti della repubblica, bacchettone e antiberlusconiano. E' campato sin troppo per i miei gusti

    RispondiElimina
  8. i funerali più scarsi della storia. Manco i cavalli c'erano

    RispondiElimina
  9. ah beh, se antiberlusconiano è un difetto...

    RispondiElimina
  10. Una autentica schifezza d'uomo..... che schifo..!!

    RispondiElimina
  11. Chi cazzo fosse davvero lo dirà la storia (forse, se non avrà di meglio da fare). Per il momento, almeno otto italiani possono dire con certezza: "è quello che, prima di lasciare una squallida carriera di magistrato per una verminosa ascesa politica, nell'immediato dopoguerra ha condannato mio padre all'impiccagione.

    RispondiElimina
  12. Son proprio contento, che avremo sempre la sua bella faccetta nella home, così contento che avrei voglia di tagliarmi la gola.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ...ci sorrideva sempre il presidente, solo che poverino, non riusciva a esprimere che un ghigno disgustato, con quei occhietti bonari da squalo maco.

      Elimina
    2. Errata corrige: mako, come il mako di Segrate.

      Elimina
  13. Questo stronzo fece la grazia a buzzi... MAFIA CAPITALE.. buzzi con 35 coltellate ammazzo' una persona.

    RispondiElimina